COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Disautonomia neurovegetativa: quando il sistema nervoso non funziona come dovrebbe

Il sistema nervoso viene distinto in sistema nervoso centrale e sistema nervoso periferico. Fanno parte del sistema nervoso centrale, che si trova nella scatola cranica e nel canale vertebrale: cervello, cervelletto, tronco encefalo e midollo spinale. Il sistema nervoso periferico invece è formato dai nervi cranici (che innervano testa e collo), dai nervi spinali (che innervano le parti restanti del corpo) e dai gangli (particolari gruppi di neuroni che ricevono le informazioni dai recettori).

Il sistema nervoso periferico viene ulteriormente suddiviso in volontario, deputato al controllo dei movimenti volontari e alla raccolta delle informazioni da parte degli organi di senso, e involontario o autonomo (o vegetativo o viscerale o autonomo), che controlla le funzioni corporee involontarie.  Il sistema nervoso autonomo infine, è diviso in due parti ad azione contrapposta: simpatico (con origine nel midollo spinale) e parasimpatico (che origina nel tronco encefalico e nel midollo spinale).

Il sistema nervoso autonomo può presentare un malfunzionamento, si parla in questi casi di disautonomia neurovegetativa o disfunzione autonomica. Di che cosa si tratta o come si manifesta? Ne parliamo con il dottor Vincenzo Tullo, Neurologo e Responsabile dell’Ambulatorio sulle cefalee di Humanitas LAB.

Le funzioni del sistema nervoso autonomo

“Il sistema nervoso autonomo regola l’attività delle ghiandole e degli organi interni come il cuore, lo stomaco e l’intestino, controllando funzioni come la dilatazione delle pupille, la produzione della saliva e del muco, la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la contrazione dei muscoli dei bronchi, i movimenti dello stomaco e dell’intestino, la produzione dell’urina, il rilassamento della parete vescicale e l’apertura del suo sfintere.

Il sistema nervoso simpatico si attiva in particolare quando l’organismo vive situazioni di emergenza o stress come le risposte di attacco e fuga, mentre il parasimpatico è prevalente nelle condizioni di stabilità e riposo e favorisce i processi come la digestione e l’assorbimento, la crescita e l’immagazzinamento di energia”, spiega il dottor Tullo.

Quando si parla di disautonomia neurovegetativa?

In presenza di un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo abbiamo una disautonomia neurovegetativa (o disfunzione autonomica).

I disturbi che possono manifestarsi sono diversi, ne sono un esempio:

  • alterazione della regolazione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca con ipotensione ortostatica e ipertensione in clinostatismo (posizione sdraiata);
  • disturbi della funzione respiratoria;
  • disturbi dell’apparato gastrointestinale con riduzione della motilità gastrointestinale, disfagia, stipsi, diarrea;
  • disturbi sessuali e urinari con nicturia, pollachiuria, minzione imperiosa, impotenza, perdita del controllo sfinterico;
  • disturbi della termoregolazione;
  • ipo-anidrosi;
  • disturbi del sonno.

L’ipotensione ortostatica è il disturbo più disabilitante; si caratterizza per una riduzione di almeno 20 mmHg nella pressione arteriosa sistolica o di 10 mmHg nella diastolica entro tre minuti dall’assunzione della posizione eretta e si manifesta con sensazione di testa leggera, stanchezza, faticabilità, visione offuscata e sincope.

La classificazione delle malattie del sistema nervoso autonomo

“Questa classificazione è molto complessa. In generale si distinguono disautonomie focali e disautonomie generalizzate. Le focali si caratterizzano per una sintomatologia settoriale; ne sono un esempio la sindrome di Bernard Horner con la ptosi (abbassamento della palpebra), la miosi (restringimento della pupilla) e l’anidrosi facciale (assenza di sudorazione sul volto) e la sindrome di Adie con la pupilla che non reagisce alla luce e l’abolizione dei riflessi osteotendinei).

Le disautonomie generalizzate invece si suddividono in centrali (a livello del cervello o del midollo) e periferiche (a livello dei nervi).

Quelle centrali includono:

  • l’insufficienza autonomica pura;
  • l’insufficienza autonomica in corso di atrofia multisistemica che combina l’insufficienza del sistema nervoso autonomo con una neurodegenerazione del sistema nervoso centrale;
  • l’insufficienza autonomica associata alla malattia di Parkinson.

Le disautonomie periferiche infine vengono distinte in acute (sindrome di Guillain Barrè, botulismo, porfiria, da tossici) e croniche (neuropatie ereditarie, neuropatie diabetiche, tossico-carenziali, infettive e paraneoplastiche).

L’ambulatorio di neurologia e diagnostica neurovegetativa di Humanitas può consentire lo studio integrato dei meccanismi fisiopatogenetici centrali e periferici delle malattie del Sistema Nervoso Vegetativo”, ha concluso il dottor Tullo.

 width=

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici