COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Disabilità intellettiva, scoperta una proteina chiave

 

Un team di ricercatori italiani di Università degli Studi di Milano, Humanitas e Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) di Milano, ha identificato una molecola fondamentale per il funzionamento del cervello: Eps8, una proteina che ricopre un ruolo essenziale nei meccanismi della memoria e dell’apprendimento.
La comunicazione fra le cellule è fondamentale nel funzionamento del cervello. Le cellule del sistema nervoso centrale, dette neuroni, comunicano ‘baciandosi’, e questo loro bacio viene definito ‘sinapsi’. Le sinapsi si modificano: scientificamente, questa capacità di cambiamento delle cellule nervose viene chiamata ‘plasticità neuronale’ ed è un meccanismo importantissimo alla base dell’apprendimento.
Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica EMBO Journal, identifica una molecola essenziale e fondamentale per la plasticità sinaptica, dunque per la memoria e per l’apprendimento: Eps8, una proteina regolatrice del citoscheletro, cioè dell’impalcatura neuronale. Dimostra inoltre che l’assenza genetica di tale proteina causa deficit di apprendimento, e svela i meccanismi molecolari attraverso cui Eps8 controlla tale processo.
L’importanza di tale scoperta è legata anche alle sue possibili ricadute cliniche. Lo studio infatti dimostra che ridotti livelli di Eps8 sono presenti nel cervello di pazienti affetti da autismo. La speranza, quindi, è che svelare i meccanismi alla base della plasticità dei neuroni e delle loro interazioni (sinapsi), e dunque alla base della memoria e dell’apprendimento, possa aprire percorsi terapeutici innovativi per affrontare i gravi problemi legati alla disabilità intellettiva e le varie patologie del sistema nervoso centrale, tra cui l’autismo e il ritardo mentale“, spiega Michela Matteoli, responsabile del Laboratorio di Farmacologia e Patologia cerebrale di Humanitas, docente dell’Università degli studi di Milano e coordinatrice dello studio insieme ad Elisabetta Menna dell’In-Cnr.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici