COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Diabete di tipo 2: quali sono i fattori di rischio?

Il diabete mellito di tipo 2 è una patologia che nel mondo interessa circa l’8,5% della popolazione, mentre secondo le ultime stime in Italia siamo al 6%. L’invecchiamento progressivo della popolazione e lo stile di vita dei paesi industrializzati, caratterizzato da una dieta scorretta e un aumento di sovrappeso e obesità, ha portato nel corso dei decenni a un aumento di diagnosi di diabete di tipo 2 sia nella popolazione generale che tra gli individui più giovani.

Il diabete di tipo 2 è un disturbo cronico, che, una volta sviluppato, condiziona sensibilmente la vita di chi ne soffre. Questa malattia dipende da una condizione di iperglicemia, causata dalla difficoltà dell’organismo a produrre o utilizzare adeguatamente l’insulina, l’ormone prodotto dalle cellule del pancreas deputato a tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. 
Purtroppo ancora oggi per il diabete di tipo 2 non esiste una cura, solo la possibilità di controllare e mantenere ai livelli ottimali la glicemia nel sangue. Per questo è importante che il pubblico sia informato sui fattori di rischio e sulle possibilità di agire attivamente per prevenirne l’insorgenza. 

Approfondiamo l’argomento con il dottor Marco Mirani, diabetologo in Humanitas. 

Sovrappeso, obesità e gli altri fattori di rischio per il diabete di tipo 2

Una delle cause di una maggior diffusione del diabete di tipo 2 tra i giovani è sicuramente l’aumento di sovrappeso e obesità che è stato registrato tra la popolazione dei paesi più industrializzati. In Italia stiamo raggiungendo numeri drammatici, si stima infatti che il 35% della popolazione sia in sovrappeso e l’11% francamente obesa. Un elevato indice di massa corporea (in inglese Body Mass Index, BMI), ossia il rapporto tra peso corporeo e altezza, insieme a un eccesso del grasso addominale e alti livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue sono direttamente collegati al rischio di sviluppare il diabete mellito di tipo 2.

Altri fattori di rischio associati allo sviluppo di diabete sono: una vita sedentaria, un’alimentazione squilibrata, una familiarità per la patologia o nelle donne una storia di diabete gestazionale. Infine, anche il naturale invecchiamento è considerato un fattore di rischio per il diabete e per questo motivo, superati i 45 anni, bisognerebbe sottoporsi a periodici controlli.

Diabete di tipo 2: quali sono i sintomi?

Il diabete di tipo 2 può restare silente per un periodo molto lungo e venire per questo diagnosticato con anni di ritardo, aumentando, in chi ne soffre, il rischio di sviluppare complicanze associate, come quelle cardiovascolari, la nefropatia, la neuropatia, i problemi alla vista e anche malattie degenerative come l’Alzheimer.

I sintomi tipici del diabete di tipo 2 (che possono manifestarsi in maniera acuta anche a distanza di diverso tempo dall’effettiva insorgenza della patologia) sono: affaticamento, aumento della fame, aumento della sete associato a un aumento del volume urinario, e calo di peso corporeo.  

In caso il medico noti dei campanelli d’allarme di un sospetto diabete, indicherà al paziente di sottoporsi agli esami del sangue, prescrivendo in particolare il dosaggio della glicemia e dell’emoglobina glicata nel sangue.

Si può prevenire il diabete?

In ambito di prevenzione, è possibile agire attivamente sui fattori di rischio modificabili della patologia. Tenere sotto controllo il peso corporeo e avere una vita attiva, in cui si effettua esercizio fisico regolarmente (circa 3 volte a settimana se ad alta intensità o tutti i giorni per 30 minuti se a bassa intensità), è la precauzione più importante contro lo sviluppo del diabete. Molto importante anche avere un’alimentazione equilibrata, povera di grassi saturi, di zuccheri e di cibi lavorati e ricca di frutta e verdura. Da evitare infine anche il fumo di sigaretta, considerato un fattore di rischio non solo per il diabete ma anche per le malattie cardiovascolari a esso associate, oltre che rappresentare il principale responsabile di alcune forme tumorali.
Si tratta di una serie di precauzioni particolarmente rilevanti: da diversi studi, infatti, risulta avere una maggior efficacia sul controllo della glicemia una modifica allo stile di vita rispetto a una terapia farmacologica.

Diabete mellito di tipo 2: le possibilità di cura

Il trattamento del diabete di tipo 2 ha visto negli ultimi anni lo sviluppo di nuove possibilità terapeutiche, utili in particolar modo a tenere sotto controllo il rischio cardiovascolare, a cui si associano i maggiori rischi di mortalità correlati al diabete di tipo 2.
Tra questi farmaci è bene ricordare gli analoghi del GLP-1 (Glucagon-like peptide 1) e le gliflozine. I primi mimano gli effetti del GLP-1, un ormone che viene prodotto dalle cellule intestinali contestualmente alla digestione e deputato a semplificare la secrezione dell’insulina, che nel diabetico è carente. I secondi, le gliflozine o inibitori del cotrasportatore di sodio glucosio 2 (SGLT2),  aiutano l’organismo a espellere il glucosio tramite le urine, proteggendo anche dal rischio di progressione della nefropatia diabetica

La pluralità di terapie farmacologiche di cui disponiamo oggi, rende possibile allo specialista valutare caso per caso la cura più adatta alle esigenze del paziente, alle caratteristiche della malattia e al suo stile di vita.

Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici