COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cross-linking corneale contro il cheratocono, approvato anche dalla FDA

Il cross-linking corneale è la terapia di elezione per il cheratocono, una malattia degenerativa conseguente a una minore rigidità strutturale della cornea.

Il cheratocono consiste in un progressivo sfiancamento del tessuto corneale che si assottiglia e si estroflette all’apice, assumendo la forma di un cono. Questo influisce sul potere rifrattivo della cornea, con conseguenze importanti sulla visione del paziente.

Il cross-linking corneale, disponibile in Italia da diversi anni, è stato appena approvato negli Stati Uniti dalla FDA, la Food and Drug Administration.

Come sottolinea il professor Paolo Vinciguerra, Responsabile di Humanitas Centro Oculistico, questa approvazione certifica l’efficacia del cross-linking corneale nel contrastare la progressiva deformazione della cornea e il suo assottigliamento. Fin dal 2006, Humanitas è stato l’unico centro di riferimento italiano del primo studio multicentrico internazionale europeo su questa tecnica.

Che cos’è il cross-linking corneale?

Il cross-linking corneale si è affermato negli ultimi anni come terapia di elezione del cheratocono e permette di evitare nella maggior parte dei casi il trapianto di cornea. È un trattamento parachirurgico minimamente invasivo che punta a rinforzare la cornea, grazie all’azione combinata di vitamina B2 e raggi ultravioletti. Sulla cornea si applica un collirio a base di riboflavina (vitamina B2) e poi viene irradiata con raggi ultravioletti, aumentando così la connessione delle fibre della cornea e la loro resistenza.  

Questo evita il progressivo processo di sfiancamento della cornea e il deterioramento visivo percepito dal paziente.

“Oggi possiamo applicare questa tecnica a quasi tutti i pazienti affetti da cheratocono. Infatti nel tempo l’abbiamo migliorata in modo da adattarla alle diverse situazioni del paziente. Nel paziente trattato con cross-linking corneale il cheratocono non peggiora. Più del 50 per cento dei pazienti trattati vedono ridotto il loro astigmatismo e la loro miopia”, spiega il prof. Vinciguerra.

I pazienti candidabili a questa tecnica vengono valutati mediante topografia e aberrometria, il cross-linking corneale infatti non può essere applicato in presenza di cheratocono avanzato.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici