COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

COVID-19 e Fecondazione assistita, raccomandata la sospensione dei trattamenti non urgenti

Il Gruppo di Interesse Speciale Sterilità (GISS) della Federazione SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia) ha emesso un documento che racchiude alcune raccomandazioni sull’esecuzione di trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) in questo momento di pandemia da COVID-19.

Al momento non vi sono prove scientifiche che indichino un rischio specifico di trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2 attraverso le pratiche di PMA. Vi sono alcuni dati preliminari sui rischi nelle donne COVID-19 positive in gravidanze avanzate (terzo trimestre), ma non si conoscono gli effetti del virus in fase iniziale di gravidanza sia per la madre che per il nascituro.

È bene dunque evitare che le pazienti possano trovarsi, in caso di contagio, in gravidanza, con la necessità di compiere complesse decisioni terapeutiche e diagnostiche.

A eccezione dei trattamenti non differibili (i cicli con stimolazione già iniziata e le attività di crioconservazione della fertilità in pazienti oncologici/oncologiche) è dunque sospesa l’attività di Procreazione Medicalmente Assistita per i seguenti motivi:

  • Contenere il rischio di contagio evitare lo spostamento delle persone e l’accesso alle strutture cliniche.
  • Non contribuire a determinare alcuna situazione che possa rendere necessario l’accesso al Pronto soccorso o il ricovero ospedaliero dopo un ciclo di PMA. Questo riduce i rischi che si debbano utilizzare posti letto ospedalieri, sale chirurgiche o terapie intensive per eventuali complicanze legate al concepimento assistito, a vantaggio della gestione dei pazienti con COVID-19.

Il documento è consultabile sul sito https://www.sigo.it/

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici