COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

COVID-19 e immunità di gregge: il ruolo del vaccino

È in corso la campagna vaccinale per prevenire COVID-19, secondo il piano nazionale di vaccinazione che prevede più fasi.

Quante persone dovranno vaccinarsi per raggiungere la copertura necessaria a proteggere anche coloro che non sono vaccinati?  

Abbiamo parlato di immunità di gregge con il professor Alberto Mantovani, Direttore scientifico di Humanitas e professore emerito di Humanitas University. 

Cos’è limmunità di comunità?

I vaccini possono essere di diverso tipo; quelli contro COVID-19 (a differenza di altri che possono contenere forme modificate di un virus o di un batterio) contengono una sostanza particolare presente nello stesso virus, la proteina Spike, che da sola non provoca la malattia ma ha il compito di sollecitare una risposta immunologica simile a quella causata dall’infezione del virus SARS-CoV-2, insegnando al nostro sistema immunitario a rispondere, quando attaccato, in breve tempo, , grazie a una sorta di memoria immunologica.

Quando gran parte di una popolazione è immune nei confronti di una determinata malattia (grazie al vaccino o per aver già sviluppato gli anticorpi), si arriva a quella che viene definita ‘immunità di comunità’, cioè un’immunizzazione quasi completa della popolazione (esclusi coloro che per la loro storia clinica non possono vaccinarsi) che blocca la diffusione del virus garantendo maggior sicurezza anche alla fascia più debole e non vaccinata della società. Una situazione che non può presentarsi se il livello di immunizzazione è basso perché, in questo caso, virus e batteri possono diffondersi rapidamente tra le persone. 

Perché non si può raggiungere limmunità di gregge senza vaccinazione?

L’immunità di una comunità si potrebbe raggiungere anche senza un vaccino, ma significherebbe esporre al virus una fetta importante della popolazione con conseguente rialzo della mortalità, sovraccarico delle terapie intensive, esaturazione del sistema sanitario. A farne le spese sarebbero soprattutto le fasce più deboli della popolazione (quelle con patologie importanti come malattie cardiovascolari o tumori), perché il virus SARS-CoV-2 è molto contagioso e presenta ancora numerose incognite.

Per questo è necessario “non abbassare la guardia”. L’efficacia dei vaccini è indubbia ma queste incognite, anche se vaccinati, ci richiedono di prestare ancora la massima attenzione nei comportamenti individuali (utilizzando precauzioni come mascherine, distanziamento e igiene delle mani). 

Quando raggiungeremo l’immunità di comunità?

Si stima che per raggiungere l’immunità di comunità debba essere vaccinato almeno, all’incirca, il 70% della popolazione. Ma prima di questo non possiamo dimenticare che la nostra prima priorità, ora, è mettere in sicurezza tutte le persone over-60 e i pazienti cosiddetti “fragili”, per controllare efficacemente la mortalità e ridurre l’ospedalizzazione.

Una volta vaccinati over-60 e pazienti fragili, dobbiamo puntare ad avere almeno il 70% delle persone vaccinate: questo numero permetterebbe infatti una minor circolazione del virus grazie anche alla conseguente riduzione dell’indice RT: l’indicatore del numero di persone che vengono contagiate in media da una sola persona infetta nell’arco di un determinato tempo.

Il virus SARS-CoV-2 ha una capacità di trasmissione della malattia di circa 10 volte inferiore al virus del morbillo (per fare un esempio) per il quale l’immunità di comunità viene raggiunta con il 95% delle persone vaccinate. 

Tuttavia, fare delle stime per il morbillo è più semplice: contro questo virus – che è stabile e immutato, in quanto non ne sono comparse varianti più aggressive –  abbiamo un vaccino che funziona molto bene e conferisce un’immunità di lunga durata.

Con COVID-19 la situazione è molto diversa, il che rende più difficile fare delle stime: abbiamo diversi vaccini che non sappiamo quanto e quanto a lungo proteggano dando immunità, soprattutto sui pazienti più fragili. Inoltre, il virus muta e la variante inglese oggi prevalente è più infettiva.

Difficile, dunque, fare stime precise riguardo all’immunità di gregge. Sarà necessario verificarle sul campo. A oggi, secondo gli ultimi dati, ci vorranno ancora diversi mesi per raggiungere i numeri necessari. 

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici