COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cibi e digestione: come far funzionare la pancia anche in vacanza

Cambi d’aria e di temperature, lunghi spostamenti in auto, treno o aereo, jet lag, ma anche cibi troppo calorici o speziati, drink sulla spiaggia, pasti e orari irregolari. In vacanza ci si rilassa e si cambiano ritmi e abitudini del quotidiano, fattori che influenzano il metabolismo e la digestione.

Ne hanno parlato in un’intervista al Corriere della Sera gli specialisti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia di Humanitas.

Parola d’ordine: fibre

“Per mettere in moto l’intestino ed evitare, ad esempio, problemi di stitichezza bisogna cominciare dal mattino – ha spiegato lo specialista – con un bicchiere d’acqua tiepida mescolata con qualche goccia di succo di limone, per renderla più gradevole”.

“A colazione bene uno yogurt con cereali integrali o in alternativa un porridge di avena”. E poi frutta: “se si viaggia negli Stati Uniti, in Centroamerica o ambienti tropicali è facile trovare papaya fresca, anche questa ricca di fibre. Bene anche le prugne secche, ma prima di mangiarle serve immergerle in acqua per almeno mezz’ora per ammorbidirle”.

Cattiva digestione: cosa evitare?

Tra gli alimenti da ridurre, invece, ci sono carboidrati come riso, farinacei lievitati, pane, pizza e anche patate. Inutile anche la classica insalatona che “può essere difficile da assimilare e gonfiare. Meglio puntare su verdure cotte, vellutate o minestroni e legumi”, ha chiarito lo specialista.

Evitare anche i lassativi: “sconsiglio questi prodotti che possono essere irritanti e se non si è abituati provocano diarrea e anche crampi”, ha concluso.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici