COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

I benefici della sauna per il cuore: uno studio finlandese dimostra riduzioni rischi cardiovascolari

Quella che comunemente viene associata a centri benessere e spa, quindi alla bellezza, è in realtà un vero toccasana per la salute e in particolare per il cuore: la sauna. Secondo uno studio dell’Università della Finlandia, pubblicato sulla rivista Biomed Central fare la sauna ‘allena’ il cuore come l’esercizio fisico ed ha un effetto ‘salvacuore’. 

Ne ha parlato in un’intervista il Professor Giulio Stefanini, aiuto nell’Unità Operativa di Cardiologia clinica interventistica di Humanitas e docente all’Humanitas University di Milano.

Lo studio finlandese

“Questo studio finlandese rivela indubbiamente dati interessanti che dimostrano e confermano come la sauna riduce il rischio di mortalità per cause cardiovascolari”, ha spiegato Stefanini. La novità di questa ricerca sta nella segnalazione di tempi e modi di fare la sauna, “dimostrando che la frequenza e la durata riducono in maniera proporzionale questo rischio: il massimo beneficio si ottiene con quattro sedute settimanali e almeno 45 minuti la settimana di sauna”.

Come la sauna agisce sul cuore

Durante le sedute di sauna il nostro cuore effettua una sorta di ‘ginnastica cardiovascolare’: “due sedute di sauna di fatto allenano tutti i vasi del corpo e hanno un effetto benefico sul cuore sulla pressione arteriosa, ad esempio.

“Sono dati che andranno confermati, ma indubbiamente molto interessanti perché coinvolgono circa 2000 pazienti finlandesi che hanno avuto un follow up di 15 anni e sono quindi eventi osservato in quindici anni. E’ vero anche che non necessariamente questi casi vede evidenze possono essere applicate a tutte le popolazioni. La popolazione della Finlandia è certamente diversa da quella italiana in termini di stili di vita e quindi di fattori di rischio, ma è certamente una ricerca molto interessante”, ha concluso il cardiologo.

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici