COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Artrite reumatoide, Prof. Selmi: fermare l’infiammazione oggi si può

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica delle articolazioni. In Italia sono circa 400 mila i pazienti che soffrono di questa patologia autoimmune, pari ad un malato ogni 250 abitanti. 

L’80% dei pazienti è donna. 

Se un tempo questa infiammazione condizionava molto la vita quotidiana delle persone, negli ultimi anni grazie ai nuovi farmaci e ad una migliore diagnosi, tempestiva e veloce, è possibile evitare dolori e bloccare il processo di deformazione delle articolazioni che tanto spaventa i pazienti.

Ne ha parlato in un’intervista il professor Carlo Selmi, direttore dell’Unità Operativa di Reumatologia in Humanitas.

Bloccare l’infiammazione, oggi si può

Spesso i pazienti che arrivano in ambulatorio sono spaventati, credono che il loro futuro sia segnato dalla disabilità ma “oggi l’artrite reumatoide non è più quella di una volta – rassicura Selmi -. Oggi siamo in grado di fermare l’infiammazione e quindi di bloccare anche il processo legato alla deformazione dovuto all’artrite reumatoide”.

La poliartrite

L’infiammazione, tendenzialmente, non colpisce una sola articolazione: “solitamente ne soffrono contemporaneamente almeno cinque – ha detto il professore – e in modo simmetrico, nella parte destra e sinistra del corpo. L’infiammazione parte dalle articolazioni periferiche, come le mani e piedi e poi si espande verso il centro del corpo”.

I farmaci biologici

“Nel tempo – ha chiarito Selmi – sono cambiate e si sono evolute le ‘armi’ che la Medicina ha per combattere questa malattia, in primis i farmaci biologici ma anche grazie a farmaci orali chiamati piccole molecole, che si assumono per bocca”.

“Sono farmaci molto costosi per il nostro Sistema Sanitario Nazionale e che necessariamente devono essere regolamentati nella prescrizione, ma l’Italia è uno dei paesi in cui l’accesso a questi farmaci è massimo rispetto ad altri paesi sia europei che extraeuropei”, ha aggiunto il professore.

Quando allarmarsi

Il momento giusto per riconoscere se si soffre di artrite è il mattino: “le persone si svegliano dopo un periodo di inattività prolungata durante la notte e si svegliano con un picco dolori e rigidità alle articolazioni”, ha spiegato ancora Selmi. Se la rigidità dura qualche minuto non c’è bisogno di allarmarsi, nessuno appena sveglio riuscirebbe ad esempio a svitare una caffettiera. Quando il dolore e la rigidità mattutina “durano oltre mezz’ora allora ci si allarma e si contatta uno specialista”. 

L’artrite si può definire cronica se dura almeno sei settimane.

“Oggi l’artrite reumatoide si può risolvere: se è vero che non ci sono cure ‘per il passato’, che possano guarire chi ne soffre già da tempo, è vero anche che abbiamo modi e strumenti per far condurre al paziente una vita del tutto normale oggi”, ha concluso Selmi.

Reumatologia e Immunologia Clinica

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici