COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Addio a occhiali e lenti a contatto, diagnostica e laser sempre più precisi

Addio a occhiali e lenti a contatto, grazie a diagnostica e laser sempre più avanzati è possibile intervenire su numerosi disturbi della vista. Ne ha parlato su “Milano Finanza” il professor Paolo Vinciguerra, Responsabile di Humanitas Centro Oculistico e docente di Humanitas Huniversity.

 

Close-up of a human eye

Come sta cambiando la cura dei disturbi visivi?

 “È un ambito in grande evoluzione, grazie a strumenti tecnologici all’avanguardia che consentono di individuare con sempre maggior precisione le cause e la localizzazione di varie patologie”, ha spiegato il prof. Vinciguerra.

“Abbiamo oggi a disposizione strumenti come l’aberrometro totale e sottrattivo ad alta risoluzione che con una precisione sorprendente è in grado di trasmetterci tutte le qualità dell’occhio distinguendo l’origine dei difetti ottici e individuando la loro esatta posizione, informazioni essenziali quando si tratta di intervenire chirurgicamente”. “L’aberrometro – conclude il prof. Vinciguerra – consente anche di pilotare i laser a eccimeri con una precisione fino a ieri sconosciuta nella correzione di astigmatismi non localizzati sulla cornea”.

 

Come si curerà in futuro la presbiopia?

“È in fase di ricerca una tecnica di elettrostimolazione con cui sia possibile rendere più elastico il muscolo ciliare migliorandone la capacità di modificare la forma del cristallino per mettere a fuoco. È un trattamento capace di ridare la possibilità di leggere senza occhiali, previsto per pazienti di età compresa tra i 40 e 50 anni che non hanno problemi visivi da lontano importanti, come miopia o ipermetropia”.

 

Ci sono novità per quanto riguarda la cataratta?

 

“In Humanitas abbiamo di recente messo a punto uno strumento di calcolo per il cristallino artificiale che, dopo un intervento di cataratta, permette di ridefinire un’ampia profondità di fuoco migliorando la visione e riducendo la necessità, anche in questo caso, di ricorrere agli occhiali dopo l’intervento”.

Per leggere l’articolo completo clicca qui.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici