Dolore a livello della spalla nel muovere le braccia con riduzione del movimento delle articolazioni: potrebbe essere la spalla congelata, o capsulite adesiva della spalla. Il prof. Alessandro Castagna nel parla su Corriere.it.

Spalla con movimenti ridotti e forti dolori nel muovere le braccia. Sono questi i principali sintomi della spalla congelata, o capsulite adesiva della spalla, protagonista della video intervista di Corriere.it ad Alessandro Castagna, responsabile di Chirurgia di spalla e gomito in Humanitas.

Cos’è la spalla congelata?

È una malattia infiammatoria che provoca la perdita di mobilità dell’articolazione omero scapolare. I sintomi si presentano in maniera lieve e peggiorano nel tempo.

Dolore alla spalla muovendo le braccia?

L’articolazione fra spalla e omero è composta di ossa, tendini e legamenti, che sono compresi in una capsula di tessuto connettivo. Quando questa capsula si restringe e si infiamma fino a limitare i movimenti dell’articolazione, si verifica la spalla congelata o capsulite adesiva.

Dolori alla spalla anche nel sonno

La spalla congelata è una condizione dolorosa e invalidante. La patologia comporta una limitazione forte dei movimenti della spalla. Il dolore costante, che tende a peggiorare nelle ore notturne, può rendere impossibili anche i gesti più semplici. Per questo la capsulite adesiva porta spesso ad avere difficoltà anche con il sonno, a causa dei movimenti molto limitati che la persona che ne soffre è costretto a compiere.

Dolore alla spalla, quando e perché può capitare

La spalla congelata è più frequente nelle donne, fra i 35 e i 50 anni, e si associa spesso a diabete, ipertiroidismo o ipotoroidismo.

La spalla congelata potrebbe essere collegata a malattie autoimmuni, ma la ricerca scientifica non ha ancora individuato il perché questa malattia colpisca alcune persone piuttosto che altre.