“Io mi vaccino. I miei figli sono vaccinati. I miei nipotini sono vaccinati. Ci vacciniamo per proteggere noi stessi e le persone più deboli che ci stanno accanto”. Con queste parole il prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University, sostiene la campagna #vacciniamoci, promossa dalla Onlus ABM (Amici del Bambino Malato). Una campagna pro vaccinazioni per contenere il problema del calo delle coperture vaccinali nel nostro Paese.

mantovani vacciniamoci

Prof. Mantovani, perché la vaccinazione è così importante?

I vaccini sono l’intervento medico a basso costo che, più di tutti, ha cambiato la vita e la salute dell’uomo. Hanno permesso di sconfiggere malattie che, nel secolo scorso, hanno causato disastrose epidemie: stime dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità ci dicono che, entro il 2020, i vaccini utilizzati – già oggi disponibili – eviteranno 25 milioni di morti. Parliamo di 7.000 vite salvate al giorno.
“Sono, questi – spiega il prof. Mantovani – dati impressionanti che ci fanno capire che i vaccini sono fondamentali. Hanno permesso di sconfiggere malattie responsabili di innumerevoli morti. Pensiamo ad esempio al vaiolo: oggi i nostri figli non neppure si vaccinano più contro questo virus, perché le precedenti generazioni l’hanno fatto fino a far scomparire questo micidiale flagello, che in epoca pre-vaccino mieteva nella sola Europa 700mila vite l’anno.
I vaccini sono necessari, se non indispensabili: senza di loro, tornerebbero a colpirci virus da tempo debellati, e non avremmo un efficace scudo contro quelli che, prima o poi, ci colpiranno in futuro. E’ un dato di fatto che alcune malattie prosperano là dove ci sono difficoltà oggettive a eseguire le vaccinazioni. Ne è testimonianza il recente ritorno della poliomelite in Siria, Afghanistan, Pakistan e Nigeria, dove per situazioni di fragilità non è possibile raggiungere tutti i bambini con i vaccini”.