COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Varici orbitarie

Le varici orbitarie rappresentano la più frequente anomalia dei vasi sanguigni dell'orbita dell'occhio. Nella maggior parte dei casi interessano una metà del volto e sono localizzate nel quadrante supero-nasale dell'occhio.

Che cosa sono le varici orbitarie?

La malattia è caratterizzata dalla dilatazione di uno o più vasi venosi ("caput medusae").
Se localizzata nelle palpebre o sotto la congiuntiva, la dilatazione può essere visibile. Spesso il problema può estendersi all'orbita.
Fra le possibili complicazioni ci sono emorragie e trombosi.

Quali sono le cause delle varici orbitarie?

Le varici possono formarsi a causa di una debolezza della parete dei vasi di origine congenita o dovuta a fattori come la compressione da tumore, un aneurisma arterioso, una malformazione arterovenosa, un trauma o un'infezione che coinvolge la parete della vena. Un'altra possibile causa, presente da sola o in contemporanea alla debolezza della parete dei vasi, può essere l'ostruzione di una vena.

Quali sono i sintomi delle varici orbitarie?

Il primo sintomo di una varice orbitaria è una protrusione del bulbo oculare non pulsante, non associata a soffi e intermittente. Infatti dato che le vene dell'orbita sono prive di valvole, la protrusione è reversibile. A causarla o aggravarla è l'aumento della pressione venosa, associato, ad esempio, a un colpo di tosse, a uno sforzo o all'espirazione forzata a glottide chiusa (la cosiddetta manovra di Valsava).

Diagnosi

La diagnosi è clinica e per effettuarla è fondamentale la manovra di Valsalva (l'espirazione forzata a glottide chiusa).
Gli esami che possono essere prescritti sono:

  • Esame del campo visivo
  • Visita ortottica
  • Risonanza magnetica nucleare delle orbite per studiare l'estensione della lesione al loro interno
  • Consulto multidisciplinare

Trattamenti

La terapia è chirurgica, prevede "l'occlusione" delle varici ed è indicata nei casi di trombosi ricorrente, dolore, protrusione del bulbo oculare severa e compressione del nervo ottico.
L'intervento è complesso e spesso viene eseguito in maniera incompleta perché queste lesioni sono fragili e sanguinano facilmente.

Prevenzione

Non esistono purtroppo misure preventive.