COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Trauma cranico

Il trauma cranico è una condizione in cui una forza meccanica esterna causa una disfunzione cerebrale. Può trattarsi di una situazione temporanea o di una disfunzione permanente che nei casi più gravi può portare anche al decesso.

 

Cos’è il trauma cranico?

Quando il cervello subisce una forte scossa in seguito a un colpo, a forti rotazioni del capo o alla penetrazione di oggetti all’interno della scatola cranica può andare incontro a disfunzioni più o meno permanenti che rischiano di compromettere il suo buon funzionamento. Questa situazione prende il nome di trauma cranico e può avere come conseguenze perdite di conoscenza, infezioni, danni ai vasi sanguigni e ai nervi, problemi di memoria e nei cinque sensi, difficoltà cognitive, disturbi psicologici e problemi a parlare o, più in generale, a comunicare. Il trauma cranico aumenta, inoltre, il rischio di Alzheimer, di Parkinson e di altri disturbi neurodegenerativi. A essere più a rischio sono i bambini al di sotto dei 4 anni, i giovani adulti tra i 15 e i 24 anni e gli over 75.

 

Quali sono le cause del trauma cranico?

Il trauma cranico può essere scatenato da forti colpi al cranio o al corpo, rotazioni o scatti repentini ed esplosioni o dalla penetrazione di oggetti (come proiettili o frammenti ossei) all’interno del cranio. Eventi di questo tipo possono essere associati a cadute, incidenti stradali, liti violente o traumi sportivi.

 

Quali sono i sintomi del trauma cranico?

Traumi lievi sono associati a perdita di conoscenza per un massimo di pochi minuti o a un senso di stordimento, problemi di memoria o di concentrazione, mal di testa, capogiri o perdita dell’equilibrio, nausea o vomito, problemi alla vista o all’udito, un gusto sgradevole in bocca, sensibilità a suoni e luci, alterazioni dell’umore, ansia o depressione, affaticamento e problemi del sonno. Traumi più gravi sono invece associati a perdite di conoscenza più prolungate, un profondo stato confusionale, agitazione e comportamenti insoliti, difficoltà a parlare e a risvegliarsi, intorpidimento delle dita, incapacità di coordinamento, mal di testa persistente o in continuo peggioramento, nausea e vomito ripetuti, convulsioni o attacchi epilettici, dilatazione delle pupille e perdita di liquidi dal naso o dalle orecchie.