COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Singhiozzo

Il singhiozzo è una contrazione involontaria del diaframma, il muscolo che svolge un ruolo importante nella respirazione. Si tratta di un fenomeno transitorio che in genere dura pochi minuti.

Che cos’è il singhiozzo?

Questo fenomeno è dovuto a contrazioni involontarie e ripetute del diaframma, il muscolo che si contrae in fase di inspirazione e si distende in fase di espirazione. A scatenarlo è l’irritazione del nervo frenico, il cui compito è controllare le contrazioni del diaframma. Il tipico suono del singhiozzo è dovuto al fatto che ogni contrazione diaframmatica si conclude con la chiusura della glottide, la valvola che divide apparato respiratorio e digerente.

Quali sono le cause del singhiozzo?

Non è facile individuare cosa scateni l’irritazione del nervo frenico e dunque il fenomeno del singhiozzo. Alcune situazioni però possono agevolarne l’insorgenza:

  • Veloce o eccessivo consumo di cibo o bevande, che causa la dilatazione dello stomaco.
  • Abuso di bevande alcoliche, che causa l’infiammazione della mucosa gastrica e un’indiretta irritazione del diaframma.
  • Emotività o situazione di stress, che ci porta a ingoiare una quantità di aria superiore al normale che va a irritare il diaframma.
  • Improvvisi sbalzi di temperatura, consumo di bevande bollenti o gelate.

Quando il singhiozzo è particolarmente persistente (ore o giorni nei casi più gravi) potrebbe essere dovuto a problemi a organi interni:

  • Pericardite, infiammazione del pericardio, la guaina che fascia il cuore.
  • Disturbi dell’apparato digerente, come reflusso gastro-esofageo o gastrite.
  • Alterazioni dei centri nervosi che controllano il singhiozzo.

Quali sono i sintomi del singhiozzo?

Il singhiozzo è facilmente riconoscibile: si manifesta con una contrazione involontaria e decisa del diaframma, seguita dal caratteristico suono "hic" emesso dalla chiusura improvvisa delle corde vocali.

Come prevenire il singhiozzo?

Per prevenire la forma più frequente di singhiozzo, ovvero quella a "breve termine" che scompare nel giro di pochi minuti senza lasciare conseguenze, è consigliabile:

  • Evitare rapide ingestioni di alimenti e bevande.
  • Masticare bene prima di deglutire.
  • Limitare il consumo di alcolici.
  • Evitare di ingerire alimenti troppo caldi o troppo freddi.