COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Rottura del tendine d'Achille

Il tendine d'Achille collega i muscoli del polpaccio al calcagno ed è responsabile di molti dei movimenti che avvengono a livello del piede e della gamba. Sebbene sia un tendine molto resistente, se sottoposto a eccessivo sforzo può lacerarsi e arrivare a rompersi. La rottura del tendine di Achille può essere parziale o totale.

Che cos'è la rottura del tendine d'Achille?

Questo tipo di infortunio, tanto più doloroso quanto maggiormente è estesa la rottura, si verifica più comunemente nei soggetti che praticano sport. L'approccio chirurgico è spesso la migliore opzione di trattamento per riparare una rottura del tendine d'Achille. Gli uomini corrono un rischio fino a 5 volte maggiore di incorrere in questo infortunio rispetto alle donne e la fascia di età più colpita è quella tra i 30 e i 40 anni.

Quali sono le cause della rottura del tendine d'Achille?

La rottura di questo tendine - che può essere parziale o totale - è più frequente entro i primi 5-6 centimetri dal punto dove il tendine si attacca al calcagno. Questo tipo di lesione viene quasi sempre provocata da un improvviso aumento della quantità di stress sul tendine di Achille. Ciò accade soprattutto a causa di traumi o infortuni quando, ad esempio, si cade o si infila il piede in una buca. Spesso la rottura del tendine di Achille riguarda soggetti che praticano sport: aumentare eccessivamente l'intensità dell'attività sportiva è infatti una delle cause più frequenti che porta alla rottura di questo tendine. Le lesioni del tendine di Achille si verificano più spesso negli sport caratterizzati da corse, salti e scatti (come calcio, basket e tennis).

Quali sono i sintomi della rottura del tendine d'Achille?

Quando si verifica la rottura del tendine molte persone riferiscono di sentire un rumore di schiocco, simile a una frustata. Solitamente la sintomatologia che accompagna questo infortunio comprende:

  • dolore, anche molto intenso, nella zona del tallone
  • gonfiore intorno al tallone
  • incapacità di piegare il piede infortunato verso il basso
  • incapacità di alzarsi sulla punta del piede infortunato

Come prevenire la rottura del tendine d'Achille?

Per ridurre le probabilità di lacerazione del tendine d'Achille è consigliabile:

  • Effettuare esercizi volti ad allungare e rinforzare i muscoli del polpaccio e il tendine di Achille.
  • Variare il tipo di attività sportiva svolta, alternando sport ad alto impatto, come la corsa, con sport a basso impatto come camminare, andare in bicicletta o nuotare.
  • Evitare o limitare l'esecuzione di esercizi su superfici dure e scivolose.
  • Indossare calzature adeguate all'attività fisica che si sta svolgendo.
  • Aumentare l'intensità dello sforzo fisico gradualmente: molte delle lesioni al tendine di Achille si verificano proprio quando si aumenta bruscamente l'intensità (durata e/o frequenza) degli allenamenti.

Diagnosi

Per diagnosticare la rottura del tendine di Achille è spesso sufficiente sottoporsi a una visita ortopedica: il medico specialista sarà infatti in grado, attraverso opportune manovre, di effettuare la diagnosi.
Per rilevare l'entità del danno a carico del tendine, e stabilire se la rottura è totale o parziale, il medico può richiedere l'esecuzione di una risonanza magnetica.

Trattamenti

Il trattamento per la rottura del tendine d'Achille dipende dalla gravità della lesione, dall'età del soggetto colpito dall'infortunio e dal livello di attività fisica svolta abitualmente. In generale, nel caso di rottura completa, le persone più giovani e attive spesso optano per l'intervento chirurgico attraverso cui il tendine lacerato viene ricucito. In caso, invece, di rottura parziale, può essere utilizzato un gesso (o un tutore) comprensivo di sostegni per tenere il tallone sollevato (per mantenere, cioè, il piede in posizione equina) al fine di favorire la rimarginazione del tendine lacerato.
Dopo qualsiasi trattamento è necessario sottoporsi a un programma di fisioterapia per rinforzare i muscoli delle gambe e lo stesso tendine di Achille. Per tornare alla normale attività quotidiana e sportiva solitamente sono necessari 4-6 mesi.