COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Orbitopatia tiroidea

L'orbitopatia tiroidea è una malattia caratterizzata da una serie di segni e sintomi associati a un disturbo della funzionalità della tiroide, in particolare all'ipertiroidismo del morbo di Graves-Basedow.

Che cos'è l'orbitopatia tiroidea?

Ad essere più colpite dall'orbitopatia tiroidea sono le donne, che sviluppano più frequentemente rispetto agli uomini un processo infiammatorio autoimmune che determina il rigonfiamento e la fibrosi dei tessuti molli dell'orbita. La gravità della malattia è variabile e viene classificata secondo le linee guida dell'EUGOGO (European Group on Graves Orbitopathy), mentre con il CAS (Clinacal Activity Score) si stabiliscono il grado di attività della patologia e la strategia terapeutica.

Quali sono le cause dell'orbitopatia tiroidea?

A scatenare la malattia è un processo autoimmune non ancora completamente noto, ma che si sa originare nella tiroide.

Quali sono i sintomi dell'orbitopatia tiroidea?

L'orbitopatia tiroidea si manifesta con eritema, rigonfiamento e retrazione palpebrale, occhio sporgente, rossore e bruciore oculare, sensazione di corpo estraneo, rarità dell'ammiccamento. A volte è associata a difficoltà e dolore nei movimenti oculari, soprattutto guardando in alto. Altri sintomi sono visione doppia, alterazione nella visione dei colori e calo dell'acuità visiva nei casi di neuropatia ottica da compressione.

Diagnosi

La diagnosi è clinica, di laboratorio e radiologica e prevede:

  • Cv in caso di sospetta compressione del nervo ottico
  • Visita ortottica per lo studio delle alterazioni della motilità oculare
  • Imaginig radiologico: TAC cranio/orbite e RMN (valutazione rapporto plesso/muscolo)
  • Consulto multidisciplinare con specialisti endocrinologi e otorinolaringoiatri

Trattamenti

La terapia iniziale imprescindibile prevede il trattamento della patologia alla tiroidea.
In fase attiva della malattia vengono usati:

  • Steroidi, anche in associazione alla radioterapia, per il loro effetto antinfiammatorio e immunosoppressivo;
  • Farmaci immunosoppressivi.

In fase non attiva è indicata una terapia chrurgica con:

  • Decompressione orbitaria, indicata nelle forme più severe che potrebbero compromettere irreversibilmente la vista e se c'è compressione del nervo ottico per permettere di ampliare lo spazio della cavità orbitaria.
  • Chirurgia muscolare per correggere l'eventuale strabismo che sdoppia le immagini.
  • Chirurgia palpebrale per ridurre la retrazione della palpebra.

Prevenzione

  • Terapia della patologia tiroidea
  • Abolizione del fumo