COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Insufficienza renale acuta

In caso di insufficienza renale acuta si ha un blocco della funzione renale, soggetta a un rapido deterioramento che si verifica nel giro di poche ore o giorni e deve essere diagnosticata e trattata tempestivamente per evitare conseguenze gravi. In questa condizione, i reni non riescono più a svolgere l'azione di regolazione dell'equilibrio idrico e salino, a eliminare tossine e acidi dall'organismo, a produrre ormoni (come l'eritropoietina) indispensabili nella produzione dei globuli rossi.

Che cos’è l’insufficienza renale acuta?

L'insufficienza renale acuta è una condizione di rapido deterioramento dei reni e della loro funzione. La condizione precipita nel giro di pochi giorni o poche ore. Una o più cause possono, infatti, danneggiare gravemente le delicate strutture vascolari e nervose che compongono i reni, con la formazione di tessuto cicatriziale che colpisce vasi sanguigni e tessuti ostacolando la funzionalità. Provoca uremia, ovvero l'accumulo nell'organismo e nel sangue di sostanze azotate e urea che vengono filtrate dai reni e hanno un effetto tossico. Può essere classificata come prerenale, postrenale e renale. Si tratta di una condizione grave, che può essere anche fatale, ma se diagnosticata e trattata precocemente è reversibile.

Quali sono le cause di insufficienza reale acuta?

Le cause di insufficienza renale acuta sono classificabili in base all'origine del danno renale. I reni possono funzionare male a causa di un danno alle strutture come i glomeruli renali, una fitta rete di capillari deputati a filtrare il sangue da scorie e tossine. Una diminuzione dell'apporto di sangue necessario ai reni può causare glomerulopatia.
Altre cause dell'insufficienza acuta sono:

  • Nefropatia acuta tubulo-interstiziale
  • Ipertensione e altre patologie cardiache (insufficienza cardiaca)
  • Glomerulonefriti e vasculiti
  • Infezioni batteriche
  • Reazioni ai farmaci che causano uno shock circolatorio
  • Malattie metaboliche come ipercalcemia e iperuricemia
  • Insufficienza epatica
  • Terapie con farmaci chemioterapici, antibiotici o anti-infiammatori
  • Mancata irrorazione sanguigna (ischemia) dei reni a causa di emorragie o di esiti di interventi chirurgici.
  • Intossicazioni da sostanze chimiche o metalli pesanti
  • Mieloma multiplo
  • Trombosi delle vene e arterie renali
  • Ostruzione delle vie urinarie, che impedisce all'urina prodotta dai reni di essere espulsa a causa di ipertrofia prostatica benigna (prostata ingrossata), calcolosi renale, tumori delle vie urinarie, danni ai nervi che controllano la vescica.

Quali sono i sintomi dell'insufficienza renale acuta?

Spesso alcune delle condizioni che causano l'insufficienza renale acuta sono prive di sintomi, come lo scarso apporto di sangue ai reni o le patologie dell'arteria renale.
L'insufficienza renale acuta può presentarsi con o senza oliguria, vale a dire la riduzione del volume delle urine espulse dall'organismo.
Altri sintomi sono:

Come prevenire l’insufficienza renale acuta?

La prevenzione della malattia renale si ottiene con il monitoraggio di alcuni parametri collegati alla funzionalità dei reni: misurazione della pressione arteriosa, esami del sangue e delle urine per conoscere i valori di creatinina e azotemia, ecografia renale quando ci sono dubbi circa l'attività renale.
Particolare attenzione va posta dalle persone a rischio di insufficienza renale o affette da patologie croniche come il diabete o l'ipertensione, oppure da patologie su base autoimmune come il lupus eritematoso. In questi casi è necessario ricorrere alle cure del nefrologo e ad alcune restrizioni alimentari come una dieta povera di proteine (carni rosse) e di grassi saturi, di sodio e di potassio. È sempre consigliata un'attività fisica moderata e regolare; è necessario cercare di evitare sovrappeso e obesità nonché fumo e alcolici.