COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Fascite plantare

La fascite plantare è un disturbo caratterizzato da infiammazione e dolore al legamento arcuato che attraversa la parte inferiore del piede e collega il tallone con la base delle dita dei piedi. Il legamento arcuato svolge un ruolo di primaria importanza nella trasmissione del peso corporeo al piede mentre si cammina e si corre e viene sottoposto a stress in particolare durante la corsa o il salto. La fascite plantare è molto frequente negli sportivi, ma può insorgere anche nei soggetti in sovrappeso o obesi, nelle donne in gravidanza e a causa dell'utilizzo di scarpe che mettono sotto eccessivo stress il tallone e il legamento arcuato del piede.

Che cos'è la fascite plantare?

La fascite plantare è una delle cause più comuni di tallonite. Il dolore è generalmente più acuto al mattino, quando ci si alza dal letto. Dopo aver effettuato i primi movimenti tende a diminuire, per riacutizzarsi dopo essere stati seduti a lungo.

Quali sono le cause della fascite plantare?

Il legamento arcuato del piede funziona come una corda che ammortizza il peso del corpo e i movimenti: quando la tensione è eccessiva il legamento può lacerarsi e infiammarsi, dando luogo alla fascite plantare.

Tra le principali cause alla base di questo disturbo troviamo:

  • La pratica di alcune attività sportive come la corsa, il basket, il tennis e il calcio, che sollecitano molto il legamento arcuato del piede.
  • La presenza di particolari conformazioni del piede che possono portare a camminare in una maniera scorretta (come il piede piatto o il piede cavo).
  • L'utilizzo di scarpe inadatte come quelle con la suola piatta, che non forniscono il giusto supporto al legamento arcuato del piede, oppure con i tacchi alti, che favoriscono la retrazione del tendine d'Achille (dando vita, in entrambi i casi, a un eccessivo stress del tallone e del legamento arcuato).

Altri fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare la fascite plantare sono: l'età (questo disturbo è più comune tra i 40 e i 60 anni); la presenza di sovrappeso o obesità; lo svolgimento di mansioni lavorative che costringono a stare in piedi per molte ore del giorno.

Quali sono i sintomi della fascite plantare?

Nella maggior parte dei casi il dolore associato alla fascite plantare si sviluppa gradualmentecolpisce solo un piede, anche se può verificarsi a entrambi i piedi ed è più acuto quando si effettuano i primi passi dopo il risveglio e può essere riattivato dopo essere stati a lungo seduti.

Come prevenire la fascite plantare?

Per prevenire l'insorgenza della fascite plantare è consigliabile:

  • Mantenere il peso corporeo nella norma, per ridurre al minimo lo stress sul legamento arcuato del piede.
  • Utilizzare scarpe adatte all'attività sportiva praticata e non indossare scarpe da ginnastica logore per avere sempre un buon sistema di ammortizzamento.
  • Evitare il più possibile di indossare scarpe dalle suole piatte e dai tacchi troppo alti

Diagnosi

Il medico effettuerà una visita accurata del piede, durante la quale verificherà la presenza e la sede della sintomatologia dolorosa percepita. Lo specialista potrà anche consigliare al paziente esami di imaging (radiografia o risonanza magnetica) per assicurarsi che all'origine del dolore non ci sia un'altra causa (come, ad esempio, una lesione o uno schiacciamento di un nervo).

Trattamenti

Tra le terapie previste per risolvere questa condizione, si trovano: l'approccio farmacologico, volto ad alleviare i sintomi della fascite plantare mediante la somministrazione di farmaci anti-infiammatori non steroidei e corticosteroidi; l'approccio di "rinforzo" con stretching ed esercizi di rafforzamento e l'uso di dispositivi specializzati (stecche, plantari); approccio chirurgico e terapie a base di onde d’urto.