COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Ernia della linea alba o epigastrica

L'ernia della linea alba, detta anche epigastrica, è un'ernia localizzata a livello addominale, più precisamente nella zona compresa tra l'ombelico e lo sterno. Si tratta di una protuberanza formata in genere da una porzione di tessuto adiposo che spinge attraverso l'addome.

Che cos'è l'ernia della linea alba?

Quando il tessuto adiposo spinge attraverso l'addome nella regione compresa tra lo sterno e l'ombelico è possibile che si formi una protrusione che prende il nome di "ernia della linea alba" o "ernia epigastrica". In genere questa protrusione non supera le dimensioni di una pallina da golf e solo raramente non è formata da tessuto adiposo, ma da una porzione di intestino o di un altro organo presente nella cavità addominale.

Il problema è più diffuso fra i neonati e, in età adulta, fra gli uomini di età compresa tra i 20 e i 50 anni.

Può essere di due tipi diversi: l'ernia epigastrica riducibile, che può rientrare nella cavità addominale, e l'ernia epigastrica incarcerata (o strangolata), in cui il tessuto è bloccato nella fessura da cui è fuoriuscito. A volte sono presenti più ernie contemporaneamente.

Quali sono le cause dell'ernia della linea alba?

Nella maggior parte dei casi un'ernia epigastrica è causata da un indebolimento o da un difetto congenito della parete addominale o del tessuto connettivo a livello dell'addome. In altri casi può essere dovuta all'intrappolamento di una piccola parte di alcuni organi addominali, inclusi fegato e stomaco, nella parete addominale. Altre possibilità sono sforzi durante i movimenti intestinali o durante il sollevamento di oggetti molto pesanti, accumuli di fluido nella cavità addominale, tosse persistente, obesità e gravidanza.

Quali sono i sintomi dell'ernia della linea alba?

Spesso le ernie epigastriche non sono associate a sintomi particolari. A volte, però, possono essere dolorose o associate a gonfiore, nausea e vomito, in genere dopo i pasti, ma anche diarrea. Inoltre la pelle circostante può diventare nera o bluastra, in questo caso è meglio contattare immediatamente un medico.

Come prevenre l'ernia della linea alba?

Non è possibile prevenire in alcun modo l'insorgenza di un'ernia epigastrica congenita. In età adulta, invece, la sua comparsa può essere contrastata riducendo gli sforzi e le pressioni cui sono sottoposti i muscoli addominali. In particolare, gli esperti consigliano di:

  • non fumare
  • mantenere il peso nella norma ed evitare di ingrassare improvvisamente
  • evitare di sollevare oggetti troppo pesanti
  • contrastare la stitichezza
  • trattare adeguatamente le malattie e le allergie che causano tosse, starnuti e vomito frequenti

Diagnosi

Il medico può diagnosticare facilmente la presenza di un'ernia della linea alba durante una semplice visita, durante la quale potrebbe chiedere al paziente di tossire per visualizzare meglio la protrusione.

La diagnosi potrebbe essere confermata o approfondita tramite:

  • TAC
  • RM
  • ecografia
  • TC ed ecografia sono particolarmente utili nel caso dei pazienti obesi

Trattamenti 

Le ernie epigastriche non guariscono da sole. L'unico modo per eliminarle è un intervento chirurgico, indispensabile quando c'è un'elevata probabilità di incarceramento o di strangolamento dell'ernia. L'intervento consiste nella rimozione dell'ernia e nel rafforzamento della parete addominale e viene in genere eseguito in anestesia locale.

  • In genere nei bambini l'intervento viene rimandato fino a che non sono abbastanza grandi da poterlo sopportare, a meno che non subentri un'emergenza
  • Il rischio di recidiva è del 10-20%
  • In caso di dolore o infiammazione il medico può prescrivere l'assunzione di antidolorifici e antinfiammatori