COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Carcinoma prostatico

La prostata è una ghiandola delle dimensioni di una castagna situata nella pelvi al di sotto della vescica e svolge l’importante funzione di produrre il liquido seminale.

Il cancro della prostata è uno dei tipi più comuni di cancro nell’uomo, colpendo approssimativamente un uomo su sette in Europa.

Soprattutto nelle fasi iniziali, la sintomatologia del tumore prostatico è sostanzialmente assente e nella maggior parte dei casi la diagnosi viene fatta esclusivamente durante una valutazione di screening (PSA e visita specialistica con esplorazione rettale).

Solo nelle fasi avanzate il cancro della prostata può determinare una serie di sintomi e segni, tra i quali:

  • ematuria: sangue nelle urine
  • emospermia: sangue nello sperma
  • ritenzione urinaria acuta o cronica: incapacità di mingere spontaneamente
  • edema arti inferiori per interessamento metastatico dei linfonodi iliaco-otturatori
  • dolore perineale e pelvico per infiltrazione locale
  • dolore osseo per secondarismi. 

Come il cancro si sviluppa e si diffonde

Le cellule tumorali hanno la caratteristica di riprodursi e svilupparsi più rapidamente di quelle normali. Questo processo, valido per ogni tipo di tumore, determina la genesi di noduli solidi sempre più voluminosi che invadono, da prima, la ghiandola e successivamente gli organi adiacenti (vescica, uretra, retto). Durante la genesi del tumore le cellule sono in grado di invadere anche i linfonodi e gli organi a distanza (soprattutto l’apparato scheletrico), dando origine alle metastasi.

Diagnosi 

Soprattutto nelle fasi iniziali, la sintomatologia del tumore prostatico è sostanzialmente assente e nella maggior parte dei casi la diagnosi viene fatta esclusivamente durante una valutazione di screening:

  • PSA
  • Visita specialistica con esplorazione rettale

Trattamenti 

La vigile osservazione del paziente affetto da cancro della prostata si basa sul concetto che non tutti i tumori prostatici sono in grado di svilupparsi e di risultare pericolosi nel tempo.

Se il cancro alla prostata non è avanzato ed è a crescita lenta, può non avere bisogno di trattamento immediato, pur sempre restando nell'attento monitoraggio da parte dello specialista.

Ad oggi tuttavia, è difficile individuare con certezza quali siano i tumori a basso rischio di progressione. Per cui la scelta della vigile osservazione deve sempre essere ben ponderata e condivisa con il paziente, informandolo correttamente su quali siano i vantaggi e gli svantaggi di tale opportunità.

La cura del carcinoma prostatico prevede:

Chirurgia

Radioterapia

Presso Humanitas Cancer Center è inoltre attivo un protocollo basato sulla tecnica di ipofrazionamento, cioè la somministrazione della stessa dose di una radioterapia tradizionale con un numero nettamente inferiore di sedute.

Terapia farmacologica

  • Trattamento medico di seconda linea e chemioterapia
    Il trattamento medico di seconda o terza linea deve essere utilizzato qualora la malattia risulti resistente al trattamento ormonale. Lo scopo del trattamento è quello di ridurre la sintomatologia e migliorare la qualità di vita del paziente. I farmaci di seconda e terza linea attualmente più utilizzati sono l'estramustina fosfato e il docetaxel. Sono attualmente in corso presso Humanitas studi sperimentali riguardanti nuovi farmaci per il trattamento della malattia ormonoresistente.