COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Informativa Pazienti Cardiochirurgici

Scheda informativa per i pazienti sottoposti ad intervento cardiochirurgico con l’utilizzo di dispositivi di circolazione extra-corporea
 

Gentile Signore/a,


Le scriviamo in quanto Lei negli ultimi dieci anni è stato/a sottoposto/a ad un intervento cardiochirurgico con l’utilizzo di un dispositivo medico per raffreddare e poi riscaldare il sangue in circolazione extracorporea.

Questi interventi vengono effettuati da anni con grandi margini di sicurezza e permettono di contenere molto le complicanze, in particolare quelle infettive. Tuttavia, non è possibile eliminare completamente il rischio di infezioni, e alcune di esse possono manifestarsi anche dopo anni dall’intervento.

Oltre ai rischi noti (es. endocardite infettiva in pazienti operati), recentemente ne è stato individuato uno nuovo: un agente patogeno (il Mycobacterium chimaera) che può causare infezione in pazienti sottoposti a intervento a torace aperto, anche diversi anni dopo.

Si tratta di una condizione molto rara e trattabile, in cui è importante che la diagnosi sia tempestiva.
È, quindi, essenziale che Lei sia informato/a dei possibili rischi e dei comportamenti da adottare.

 
L’infezione da Mycobacterium chimaera


Quali sono le caratteristiche dell’infezione?

  • Si manifesta in pazienti sottoposti ad interventi chirurgici a torace aperto, anche molto tempo dopo l’intervento.
  • Sono maggiormente a rischio i pazienti che sono stati sottoposti a sostituzione di valvola cardiaca o di protesi vascolare.
  • Si tratta di un’infezione rara: ad oggi, è stato individuato circa un centinaio di casi in tutto il mondo, pochissimi in Italia. Si stima che possa insorgere in 1 paziente ogni 5.000 sottoposti ad interventi a torace aperto. 
  • La malattia non si trasmette da persona a persona.
  • I sintomi sono aspecifici e comuni a molte altre infezioni: febbre persistente in assenza di altra causa, pari almeno a 38°C; perdita di peso inspiegabile; tosse o sensazione di respiro corto che si aggrava nel tempo, non spiegate da altre malattie; sudorazione nel sonno (o risveglio con lenzuola umide); dolori alle articolazioni o ai muscoli; nausea o vomito; stanchezza anche a riposo; infiammazione della ferita chirurgica con dolore, arrossamento, calore o presenza di pus in corrispondenza della ferita stessa. Si possono presentare uno o più sintomi, in diversa combinazione tra loro.

Alcuni di questi sono sintomi molto comuni (ad esempio febbre, stanchezza, dolori articolari/muscolari, ecc.) e possono dipendere da altre cause NON legate a infezione da M. chimaera. 

  • La terapia consiste nella somministrazione di antibiotici per lunghi periodi di tempo.
  • Non è possibile diagnosticare l’infezione prima della comparsa dei sintomi.

Quali comportamenti adottare se si è stati sottoposti ad un intervento chirurgico a torace aperto?

  • È bene informare il proprio medico curante di essere stato operato al cuore.
  • Se non ha sintomi, non è necessario eseguire alcuna visita o accertamento.
  • Se insorgono sintomi, è importante ricordare al medico cui si rivolge di essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico a torace aperto.
  • Se i sintomi si prolungano nel tempo è importate rivolgersi al medico curante, che valuterà se richiedere accertamenti e una consulenza di un infettivologo.
     

Per precauzione, Le consigliamo, inoltre, di segnalare sempre ai medici, in occasione di qualsiasi visita medica, accertamento diagnostico o ricovero, di essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico con utilizzo di un dispositivo medico per raffreddare e riscaldare il sangue in circolazione extracorporea.
 
Per qualsiasi dubbio o chiarimento ulteriore può rivolgersi al suo medico di medicina generale.

La ringraziamo per l’attenzione,

Istituto Clinico Humanitas