COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Stent prostatico

Che cos'è e a che cosa serve lo stent prostatico?

Lo stent prostatico svolge una funzione simile a quella dei tradizionali stent cui si ricorre in ambito cardiovascolare, e permette di mantenere pervia l'uretra maschile e consentire così un normale flusso urinario.
Lo stent prostatico è una delle soluzioni per i pazienti con ostruzione prostatica, spesso dovuta a ipertrofia prostatica benigna.

 

Come funziona lo stent prostatico?

La procedura di inserimento di uno stent prostatico avviene in regime ambulatoriale e in anestesia locale.
Gli stent prostatici possono essere di carattere temporaneo o permanenti. Nel primo caso possono essere utili in seguito a procedure mediche o chirurgiche che comportino difficoltà al fisiologico flusso urinario.
Lo stent prostatico permanente assomiglia a una spirale metallica e viene introdotto nell'uretra maschile grazie all'aiuto del cistoscopio flessibile, un apposito strumento molto usato in campo urologico alla cui estremità si collega lo stent.
Il cistoscopio entra nell'uretra e posiziona correttamente lo stent, la maglia si espande e mantiene aperta l'uretra, agevolando il passaggio dell'urina.

 

Lo stent prostatico è pericoloso o doloroso?

L'introduzione di uno stent è una procedura sicura, la sua presenza a lungo termine potrebbe comportare un rischio di minzione dolorosa e infezioni del tratto urinario.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici