COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Stent coronarico a rilascio di farmaco

Che cos'è e a che cosa serve lo stent coronarico a rilascio di farmaco?

Lo stent coronarico a rilascio di farmaco è uno stent medicato, che oltre a comportarsi come un normale stent, rilascia in maniera costante il farmaco di cui è ricoperto, scongiurando così il rischio di una nuova stenosi (restringimento).

 

Come funziona lo stent coronarico a rilascio di farmaco?

La procedura di inserimento di uno stent coronarico a rilascio di farmaco è la medesima di uno stent normale.
La via d'accesso è in genere l'arteria femorale, da qui si introduce il catetere che termina con un palloncino sgonfio, intorno al quale è collocato lo stent ricoperto da un polimero impregnato del farmaco specifico.
Una volta che il catetere è in posizione, il palloncino viene gonfiato e va così a spingere la placca responsabile dell'ostruzione contro le pareti e ad allargare lo stent fino alla sua posizione finale, l'arteria ritrova così maggior spazio e il flusso di sangue viene ripristinato. Il palloncino viene poi sgonfiato e rimosso con il catetere, mentre lo stent resta posizionato nell'arteria e rilascia in maniera costante il farmaco.
Nel compiere questa operazione il chirurgo si avvale dei raggi X.

 

Lo stent coronarico a rilascio di farmaco è pericoloso o doloroso?

L'introduzione di uno stent è una procedura delicata ma sicura, con rischi e complicanze infrequenti.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici