COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Manganese

Che cos'è il manganese?

Il manganese è un minerale presente nell'organismo in piccolissime quantità. Il totale massimo è di circa 20 mg, concentrati prevalentemente nei reni, nel pancreas, nel fegato e nelle ossa.

 

A che cosa serve il manganese?

Il manganese è un componente della superossido dismutasi manganese-dipendente, un enzima dall'attività antiossidante che neutralizza i radicali liberi potenzialmente dannosi per la salute. Inoltre è importante per il funzionamento del cervello e del resto del sistema nervoso, per il metabolismo del colesterolo, dei carboidrati e delle proteine. Infine sembra essere coinvolto nella formazione delle ossa.

 

In quali alimenti è presente il manganese?

Le migliori fonti alimentari di manganese sono i vegetali a foglia verde, il riso integrale, il cocco, le mandorle e le nocciole. Inoltre ne sono presenti buone quantità in lamponi, fragole e more, ananas e frutti tropicali, banane, fichi e kiwi, uva, frutta secca, barbabietola, taccole, crescione, avena e cereali integrali, lattuga, spinaci, porri e carote, senape indiana, menta, aglio, chiodi di garofano, curcuma e tofu.

 

Qual è il fabbisogno giornaliero di manganese?

Non esiste una dose giornaliera raccomandata di manganese. Ne è però considerato adeguato un apporto pari a: 3 microgrammi nei bambini fino a 6 mesi di vita, 600 microgrammi dai 7 mesi all'anno, 1,2 mg da 1 a 3 anni, 1,5 mg da 4 a 8 anni. Nei maschi, di 1,9 mg da 9 a 13 anni e di 2,2 mg tra i 14 e i 18 anni; nelle ragazze di 1,6 mg dai 9 ai 18 anni. Negli uomini a partire dai 19 anni 2,3 mg; nelle donne 1,8 mg a partire dai 19 anni. L'apporto sale a 2 mg durante la gravidanza e 2,6 mg durante l'allattamento.

 

Quali conseguenze può determinare la carenza di manganese?

La carenza di manganese è rara, ma può portare, se grave, a infertilità femminile, danni al pancreas, problemi cardiaci e osteoporosi.
Fra i sintomi che può scatenare sono inclusi pressione alta, contrazioni muscolari, malformazioni ossee, colesterolo alto, problemi alla vista e all'udito, gravi perdite di memoria, brividi e tremori.

 

Quali conseguenze può determinare l'eccesso di manganese?

Un'overdose di manganese può portare a sintomi simili a quelli del Parkinson. Inoltre, in chi soffre di problemi al fegato, un eccesso di questo minerale può portare a problemi psichiatrici, tremori e spasmi.

 

È vero che il manganese aiuta a prevenire l'osteoporosi?

Il manganese è importante per la crescita delle ossa, ma nessuno studio ha dimostrato l'efficacia dell'assunzione di questo minerale nella prevenzione dell'osteoporosi. La scelta migliore per proteggere la salute delle ossa è condurre una dieta sana ed equilibrata.

Manganese

 

Che cos’è il manganese?

Il manganese è un minerale presente nell’organismo in piccolissime quantità. Il totale massimo è di circa 20 mg, concentrati prevalentemente nei reni, nel pancreas, nel fegato e nelle ossa.

 

A che cosa serve il manganese?

Il manganese è un componente della superossido dismutasi manganese-dipendente, un enzima dall'attività antiossidante che neutralizza i radicali liberi potenzialmente dannosi per la salute. Inoltre è importante per il funzionamento del cervello e del resto del sistema nervoso, per il metabolismo del colesterolo, dei carboidrati e delle proteine. Infine sembra essere coinvolto nella formazione delle ossa.

 

In quali alimenti è presente il manganese?

Le migliori fonti alimentari di manganese sono i vegetali a foglia verde, il riso integrale, il cocco, le mandorle e le nocciole. Inoltre ne sono presenti buone quantità in lamponi, fragole e more, ananas e frutti tropicali, banane, fichi e kiwi, uva, frutta secca, barbabietola, taccole, crescione, avena e cereali integrali, lattuga, spinaci, porri e carote, senape indiana, menta, aglio, chiodi di garofano, curcuma e tofu.

 

Qual è il fabbisogno giornaliero di manganese?

Non esiste una dose giornaliera raccomandata di manganese. Ne è però considerato adeguato un apporto pari a: 3 microgrammi nei bambini fino a 6 mesi di vita, 600 microgrammi dai 7 mesi all'anno, 1,2 mg da 1 a 3 anni, 1,5 mg da 4 a 8 anni; nei maschi, di 1,9 mg da 9 a 13 anni e di 2,2 mg tra i 14 e i 18 anni; nelle ragazze di 1,6 mg dai 9 ai 18 anni; negli uomini a partire dai 19 anni 2,3 mg; nelle donne 1,8 mg a partire dai 19 anni. L’apporto sale a 2 mg durante la gravidanza e 2,6 mg durante l'allattamento.

 

Quali conseguenze può determinare la carenza di manganese?

La carenza di manganese è rara, ma può portare, se grave, a infertilità femminile, danni al pancreas, problemi cardiaci e osteoporosi.

Fra i sintomi che può scatenare sono inclusi pressione alta, contrazioni muscolari, malformazioni ossee, colesterolo alto, problemi alla vista e all'udito, gravi perdite di memoria, brividi e tremori.

 

Quali conseguenze può determinare l’eccesso di manganese?

Un'overdose di manganese può portare a sintomi simili a quelli del Parkinson. Inoltre, in chi soffre di problemi al fegato, un eccesso di questo minerale può portare a problemi psichiatrici, tremori e spasmi.

 

È vero che il manganese aiuta a prevenire l’osteoporosi?

Il manganese è importante per la crescita delle ossa, ma nessuno studio ha dimostrato l'efficacia dell'assunzione di questo minerale nella prevenzione dell'osteoporosi. La scelta migliore per proteggere la salute delle ossa è condurre una dieta sana ed equilibrata.

 

 

 

 

 

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici