COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Pancuronio

Il pancuronio agisce interferendo con l’attività dei recettori per il neurotrasmettitore acetilcolina presenti a livello delle giunzioni neuromuscolari, i punti di contatto tra le fibre nervose e le fibre muscolari.

 

A cosa serve il pancuronio?

Il pancuronio è un farmaco miorilassante utilizzato durante gli interventi chirurgici effettuati in anestesia generale per facilitare l’intubazione dei pazienti e per ottenere il rilassamento dei muscoli scheletrici.

 

Come si assume il pancuronio?

Il pancuronio viene somministrato esclusivamente endovena sotto stretto controllo medico.

 

Effetti collaterali del pancuronio

Il principale effetto collaterale del pancuronio è il prolungarsi della sua azione oltre il tempo necessario per l’intervento chirurgico durante il quale è utilizzato, che può portare a debolezza muscolare o anche a paralisi associate a insufficienza respiratoria o apnee.
Altri effetti collaterali osservati in seguito all’utilizzo di questo farmaco includono problemi cardiovascolari, gastrointestinali, dermatologici e reazioni allergiche anche gravi.

 

Controindicazioni e avvertenze associati all’uso di pancuronio

L’uso del pancuronio è controindicato in chi è ipersensibile al principio attivo. È inoltre necessario fare attenzione in caso di:

  • allergia ad altri miorilassanti
  • malattie epatiche
  • malattie polmonari
  • malattie renali
  • miastenia grave e altre patologie neuromuscolari

Il pancuronio può inoltre dare effetti collaterali anche gravi nei neonati e nei nati pretermine.

Fra i farmaci con cui questo miorilassante può interagire sono inclusi:

  • alcuni antibiotici, come gli aminoglicosidi, le tetracilcine, la bacitracina, la polimixina B, la colistina e il colistimetato di sodio
  • la succinilcolina
  • alcuni miorilassanti
  • alcuni gas anestetici
  • la quinidina.
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici