COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ciclobenzaprina

La ciclobenzaprina è utilizzata nel trattamento di condizioni muscoloscheletriche, per esempio traumi o sindromi dolorose.

 

 

Che cos’è la ciclobenzaprina?

La ciclobenzaprina agisce bloccando gli impulsi nervosi e la sensazione di dolore inviati verso il cervello.

 

 

Come si assume la ciclobenzaprina?

La ciclobenzaprina viene somministrata per via orale. Deve essere assunta all’interno di un programma di trattamento che includa fisioterapia e riposo.

 

 

Effetti collaterali della ciclobenzaprina

Fra i possibili effetti avversi della ciclobenzaprina sono inclusi:

 

È bene contattare subito un medico nel caso in cui compaiano:

  • rash
  • orticaria
  • prurito
  • difficoltà respiratorie
  • senso di oppressione al petto
  • gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua
  • forte sonnolenza, battito cardiaco accelerato
  • tremori
  • sensazioni di colpi al petto
  • agitazione, allucinazioni, febbre, riflessi iperattivi, nausea, vomito, diarrea, perdita delle capacità di coordinazione, svenimenti

 

 

Controindicazioni e avvertenze

La ciclobenzapirina è controindicata in caso di problemi alla tiroide, blocco cardiaco, scompenso cardiaco congestizio, anomalie del ritmo cardiaco e infarto recente.
Inoltre non dovrebbe essere assunta in caso di trattamento con MAO inibitori nei 14 giorni precedenti.

 

Prima di assumere ciclobenzapirina è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri medicinali o ad alimenti e sostanze varie
  • degli altri farmaci, dei fitoterapici e degli integratori assunti, ricordando di menzionare in particolare MAO inibitori, farmaci per dormire, antidolorifici narcotici, altri miorilassanti, ansiolitici, antidepressivi e anticonvulsivanti
  • se si soffre (o si è sofferto) di anomalie del ritmo cardiaco, scompenso cardiaco congestizio, blocco cardiaco, problemi alla tiroide, malattie epatiche, glaucoma, ipertrofia prostatica e problemi di minzione
  • in caso di infarto recente
  • in caso di gravidanza o allattamento

 

La sospensione del trattamento può scatenare i sintomi di un’astinenza.

Il trattamento può compromettere le capacità di guidare o manovrare macchinari pericolosi.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici