COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sucralfato

Il Sucralfato viene utilizzato per trattare e prevenire la ricomparsa delle ulcere duodenali. Può inoltre essere somministrato in combinazioni con altri farmaci, ad esempio antibiotici, per trattare e prevenire la ricomparsa delle ulcere causate da alcune infezioni batteriche, in particolare quelle da Helicobacter pylori.

Come funziona il Sucralfato?

Il Sucralfato è un principio attivo dall'effetto protettivo nei confronti delle cellule. Aderisce ai tessuti danneggiati dalle ulcere e li difende dagli acidi e dagli enzimi in modo da favorirne la guarigione.

Come si assume il Sucralfato?

Il Sucralfato si assume per via orale, in genere sotto forma di compresse o soluzioni liquide. Il trattamento delle ulcere richiede in genere l'assunzione di quattro dosi nel corso della giornata e può durare fino a otto settimane, mentre quello per prevenirne la ricomparsa è in genere basato sulla somministrazione di due compresse al giorno.
Il Sucralfato deve essere assunto a stomaco vuoto, due ore dopo o un'ora prima dei pasti.

Effetti collaterali del Sucralfato

Il principale effetto avverso che può essere associato all'uso del Sucralfato è la costipazione.

È bene contattare subito un medico in caso di:

Controindicazioni e avvertenze del Sucralfato

Eventuali antiacidi dovrebbero esser assunti almeno mezz'ora prima o dopo il Sucralfato.

Prima di assumere il medicinale è inoltre necessario informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro farmaco
  • di medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, citando in particolare anticoagulanti, cimetidina, cinoxacina, ciprofloxacina, digossina, enoxacina, ketoconazolo, levofloxacina, levotiroxina, lomefloxacina, acido nalidixico, norfloxacina, ofloxacina, fenitoina, quinidina, ranitidina, sparfloxacina, tetraciclina e teofillina
  • se si soffre (o si è sofferto) di malattie renali, diabete, disturbi gastrointestinali o qualsiasi condizione che può causare difficoltà a deglutire o tossire
  • in caso di gravidanza o allattamento
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici