COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ivabradina

L'ivabradina è utilizzata in alcuni casi di scompenso cardiaco per ridurre la probabilità che un peggioramento della situazione clinica del paziente renda necessario un ricovero ospedaliero.

Che cos'è l'ivabradina?

L'ivabradina agisce influenzando la frequenza cardiaca, aiutando così a renderla più regolare.

Come si assume l'ivabradina?

L'ivabradina si assume per via orale, sotto forma di compresse.

Effetti collaterali dell'ivabradina

È importante contattare subito un medico se l'assunzione di ivabradina è associata a:

Controindicazioni e avvertenze

L'ivabradina è controindicata in caso di pressione bassa, gravi problemi epatici, battito cardiaco rallentato e se lo scompenso cardiaco è grave o peggiora. Potrebbe inoltre essere controindicata in presenza di alcuni tipi di irregolarità del battito cardiaco che non sono controllare da un pacemaker e se quest'ultimo è sufficiente a controllare il battito del cuore.
Il farmaco non dovrebbe essere assunto insieme ad antifungini azolici, barbiturici, diltiazem, macrolidi, nefazodone, fenitoina, inibitori della proteasi, rifampicina, iperico, telitromicina o verapamil. Inoltre durante il trattamento è bene non mangiare pompelmo o berne il succo.

Prima di assumere ivabradina è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, citando in particolare amiodarone, betabloccanti, digossina, diltiazem, verapamil, anifungini azolici, macrolidi, nefazodone, inibitori della proteasi, barbiturici, fenitoina, rifampicina o iperico
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi cardiaci
  • se si è portatori di un defibrillatore o di un pacemaker
  • in caso di gravidanza o allattamento

Durante il trattamento le donne in età fertile devono utilizzare opportuni metodi contraccettivi.

È importante informare medici, chirurghi e dentisti dell'assunzione di ivabradina.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici