COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Ibutilide

L'ibutilide è utilizzato nel trattamento delle irregolarità del battito cardiaco.

Che cos'è l'ibutilide?

L'ibutilide è un antiaritmico. Agisce rallentando la trasmissione lungo il cuore del segnale che porta al battito cardiaco irregolare. In questo modo favorisce la regolarizzazione del ritmo cardiaco.  

Come si assume l'ibutilide?

L'ibutilide è somministrata mediante infusione in vena.

Effetti collaterali dell'ibutilide

Fra i possibili effetti avversi dell'ibutilide sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

  • rash
  • orticaria
  • difficoltà respiratorie
  • senso di oppressione o dolore al petto
  • gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua
  • svenimenti
  • battito cardiaco accelerato o rallentato
  • blocco cardiaco
  • scompenso cardiaco
  • fiato corto
  • gonfiore di mani o piedi
  • peggioramento delle anomalie del battito cardiaco

Controindicazioni e avvertenze

L'ibutilide può essere controindicato in caso di prolungamento dell'intervallo QT e se si sta assumendo itraconazolo.
L'assunzione del farmaco può compromettere la capacità di guidare e di manovrare macchinari pericolosi; questo effetto può essere aggravato dagli alcolici e da alcuni medicinali.

Prima del trattamento con ibutilide è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare arsenico, cisapride, itraconazolo, ketolidi, macrolidi, fenotiazine e, in generale, farmaci che prolungano l'intervallo QT
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi cardiaci o di bassi livelli ematici di magnesio o potassio
  • in caso di gravidanza o allattamento