COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ferroso gluconato

Il ferroso gluconato viene utilizzato per aumentare l’apporto di ferro e per prevenire o trattare carenze di ferro nel sangue.

 

 

Che cos’è il ferroso gluconato?

Il ferroso gluconato agisce aiutando a soddisfare il fabbisogno di ferro dell’organismo.

 

 

Come si assume il ferroso gluconato?

Il ferroso gluconato deve essere assunto per via orale con un bicchiere d’acqua, preferibilmente a stomaco vuoto ed evitando di sdraiarsi nei 30 minuti successivi. Nel caso in cui scateni fastidi gastrici può però essere assunto a stomaco pieno.

 

 

Effetti collaterali del ferroso gluconato

L’assunzione di ferroso gluconato può interferire con alcune analisi di laboratorio, ad esempio quelle per verificare la presenza di sangue nelle feci.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

  • feci scure o verdi
  • costipazione
  • diarrea
  • perdita dell’appetito
  • nausea
  • crampi, dolori o fastidi allo stomaco
  • vomito

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

 

 

Controindicazioni e avvertenze

Il ferroso gluconato non deve essere assunto in caso di livelli ematici di ferro elevati. Inoltre può essere controindicato in presenza di alcuni problemi nel metabolismo del ferro, ad esempio emocromatosi o emosiderosi.

Alcuni alimenti possono ridurne l’assorbimento; per questo è importante seguire le indicazioni alimentari fornite dal medico.
Inoltre è bene chiedere al medico come comportarsi in caso di trattamento con antiacidi, bifosfonati, cefdinir, eltrombopag, metildopa, penicillamina, chinoloni o tetracicline e di assunzione di vitamine.

 

Prima dell’assunzione è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze (in particolare al colorante tartrazina)
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare doxiciclina, micofenolato, penicillamina, ormoni tiroidei e vitamine
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi gastrointestinali, anemia emolitica, anemia perniciosa o altre forme di anemia, condizioni che posso causare anemia, malattie del sangue o problemi nel metabolismo del ferro
  • in caso di trasfusioni di sangue multiple
  • in caso di gravidanza o allattamento
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici