COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Zaleplon

Lo zaleplon è utilizzato nei casi di insonnia legati a difficoltà ad addormentarsi. Non aiuta, invece, né a dormire più a lungo né a ridurre il numero di risvegli durante la notte.

Come funziona lo Zaleplon?

Lo zaleplon è un farmaco ipnotico-sedativo che agisce riducendo l'attività del cervello per permettere di dormire.

Come si assume lo Zaleplon?

Lo zaleplon viene somministrato per via orale sotto forma di capsule. In genere si assume al bisogno, quando ci si è già coricati e non si riesce ad addormentarsi.

Effetti collaterali dello Zaleplon

Fra i possibili effetti avversi dello zaleplon sono inclusi:

È importante avvisare subito il medico nel caso in cui l'assunzione dello zaleplon è associata a:

Controindicazioni e avvertenze

Lo zaleplon deve essere assunto solo quando si ha intenzione di dormire almeno per 7-8 ore. In caso contrario si può avere a che fare con effetti collaterali come capogiri e problemi di coordinazione o di memoria.

Inoltre bisogna ricordare che il farmaco può compromettere le capacità di guida e di manovra di macchinari pericolosi, indurre dipendenza, che l'alcol ne aumenta gli effetti collaterali e che prima di interrompere l'assunzione è bene consultare
il medico.

Prima di iniziare il trattamento è invece bene informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro medicinale, in particolare l'aspirina o l'atrazina
  • dei medicinali
  • dei fitoterapici e degli integratori assunti, citando in particolare antistaminici, barbiturici, farmaci contro la tosse o il raffreddore, psicofarmaci, antidepressivi, anticonvulsivanti, antidolorifici, rifampin, sedativi, tranquillanti,
  • tioridazina o  altri farmaci contro l'insonnia
  • in caso di alcolismo o di uso di droghe (anche se si tratta di problemi del passato), di tentativi di suicidio e se si soffre (o si ha sofferto) di depressione, malattie psichiatriche, convulsioni, malattie polmonari, problemi respiratori o malattie renali o epatiche
  • in caso di gravidanza o allattamento

È inoltre necessario avvisare chirurghi e dentisti di eventuali trattamenti con zaleplon in corso.