COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Venlafaxina

La venlafaxina è utilizzata nel trattamento della depressione, dell'ansia e degli attacchi di panico.

Che cos'è la venlafaxina?

La venlafaxina è un inibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SSNRI). Agisce influenzando i livelli cerebrali di molecole che se presenti in quantità sbilanciate possono portare alla depressione.

Come si assume la venlafaxina?

La venlafaxina viene somministrata per via orale, a stomaco pieno.

Effetti collaterali della venlafaxina

La vanlefaxina può generare falsi positivi nei test antidroga. Inoltre se assunto insieme a Fans può aumentare il rischio di emorragie.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

Controindicazioni e avvertenze della venlafaxina

La venlafaxina può essere controindicata in presenza di glaucoma ad angolo stretto o in caso di iniezioni di blu di metilene. Inoltre non deve essere assunta durante l'allattamento e in caso di trattamento con un MAO inibitore nei 14 giorni precedenti.

Prima di assumere venlafaxina è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco (in particolare alla desvenlafaxina), ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare altri antidepressivi Fans, cimetidina, iperico, tramadolo, triptofano, anticoagulanti, farmaci contro i disturbi dell'umore o psicofarmaci e medicinali contro l'emicrania
  • se si sta passando al trattamento con venlafaxina da quello con un altro antidepressivo
  • se si soffre (o si ha sofferto) di disturbo bipolare, cirrosi o altri problemi epatici, malattie renali o cardiache, pressione o colesterolo alti, diabete, glaucoma ad angolo stretto, malattie della tiroide, convulsioni, malattie del sangue o disturbi della coagulazione o bassi livelli ematici di sodio
  • in caso di gravidanza o allattamento

Prima che il trattamento faccia effetto possono essere necessarie anche 4 settimane. L'assunzione del farmaco non deve essere sospesa in nessun caso senza l'approvazione del medico.

La venlafaxina può alterare i tempi di reazione. I suoi effetti collaterali possono essere aggravati dall'alcol.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici