COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Oxibato sodico

L'oxibato sodico è utilizzato nel trattamento della cataplessia e per ridurre la sonnolenza diurna in chi soffre di narcolessia.

 

Che cos'è l'Oxibato sodico?

L'oxibato sodico è un agente depressivo del sistema nervoso centrale.

 

Come si assume l'Oxibato sodico?

In genere l'oxibato sodico viene somministrato per via orale. L'assunzione deve avvenire a stomaco vuoto, almeno 2 ore dopo un pasto, preferibilmente quando si è già a letto. L'azione può infatti essere molto rapida. Dopo la prima dose ne deve essere assunta una seconda tra 2 ore e mezza e 4 ore più tardi.

 

Effetti collaterali dell'Oxibato sodico

L'uso inappropriato di oxibato sodico può causare problemi respiratori, convulsioni, perdita di coscienza e anche decessi.
Se utilizzato in modo corretto può comunque rallentare o bloccare la respirazione. Inoltre può essere associato ad effetti avversi come:

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

 

Avvertenze

Durante il trattamento con oxibato sodico non bisogna assumere alcolici o farmaci per dormire; la combinazione potrebbe essere letale.
È inoltre bene evitare medicinali che possono causare sonnolenza o rallentare la frequenza del respiro, ad esempio narcotici, farmaci contro le allergie, miorilassanti, anticonvulsivanti o psicofarmaci.
Infine, l'oxibatosodico è controindicato a chi soffre di carenza di succinico semialdeide deidrogenasi; in caso di ipertensione, malattie cardiache o disturbi renali durante la terapia potrebbe invece essere necessario seguire una dieta a basso contenuto di sale.

Prima di un trattamento con oxcarbazepina è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri medicinali, ad alimenti o a qualsiasi altra sostanza
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare divalproex sodico, medicinali contro le allergie, narcotici, sedativi, miorilassanti, anticonvulsivanti e psicofarmaci
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi respiratori, apnee del sonno, malattie renali o epatiche, disturbi cardiaci, pressione alta, depressione o malattie psichiatriche
  • se si russa
  • se si ha una storia di alcolismo o di abuso di droghe
  • in caso di gravidanza o allattamento

L'assunzione di oxcarbazepina non deve essere mai interrotta improvvisamente o senza prima averne parlato con il medico.

È un farmaco che può causare dipendenza.