COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Mefobarbital

Il mefobarbital viene utilizzato nel trattamento dell'ansia, delle tensioni e dell'apprensione. Trova inoltre applicazione nella prevenzione delle convulsioni.

Che cos'è il mefobarbital?

Il mefobarbital è un barbiturico. Agisce riducendo l'attività del sistema nervoso centrale.
A basse dosi provoca una leggera sedazione, ma all'aumentare delle quantità assunte può indurre il sonno e il coma.
La sua attività rilassante nei confronti del cervello può anche portare a una riduzione delle convulsioni.

Come si assume il mefobarbital?

Il mefobarbital viene somministrato per via orale, in genere sotto forma di compresse.

Effetti collaterali del mefobarbital

Il mefobarbital può ridurre l'efficacia della pillola anticoncezionale.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

È importante rivolgersi subito a un medico in caso di:

Controindicazioni e avvertenze

Il mefobarbital è controindicato in caso di porfiria e di assunzione di oxibato sodico o di voriconazolo.

Prima di assumerlo è bene informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ad altri farmaci, ad altre sostanze o ad alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare idantoine, MAO inibitori, chinino, oxibato soidco, stiripentolo, acido valproico, anticoagulanti, beta- bloccanti, clozapina, corticosteroidi, ciclosporina, doxorubicina, doxiciclina, estrogeni, chinidina, teofillina e voriconazolo
  • se si soffre (o si ha sofferto) di depressione, dolori, problemi polmonari, respiratori o cardiaci, miastenia gravis, problemi renali o epatici
  • in caso di abuso di sostanze o dipendenza (anche in passato)
  • in caso di istinti suicidi
  • in caso di gravidanza o allattamento