COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Imipramina

L’Imipramina viene utilizzata nel trattamento della depressione.

A volte viene somministrata ai bambini che bagnano il letto.

 

Che cos’è l’imipramina?

L’Imipramina è un antidepressivo triciclico. Agisce a livello cerebrale.

 

Come si assume l’Imipramina?

L’Imipramina si assume per via orale. Per ridurre i suoi effetti collaterali (in particolare la sonnolenza diurna) è preferibile prenderla prima di andare a dormire.

 

Effetti collaterali dell’Imipramina

L’assunzione di Imipramina può essere associata alla comparsa della sindrome serotoninergica. Inoltre il farmaco può aumentare i rischi per gli occhi e la sensibilità della pelle al sole. È inoltre bene fare attenzione al rischio di colpo di calore.
Fra gli altri possibili effetti avversi di questo farmaco sono inclusi:

 

È bene contattare subito il medico in caso di:

 

Avvertenze

L’Imipramina può interferire con le capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi a causa dei capogiri che può scatenare. L’alcol o altri farmaci possono aggravare questo effetto collaterale del farmaco.
Perché faccia effetto può essere necessario assumere l’Imipramina per almeno 1-3 settimane. In ogni caso il trattamento non deve essere interrotto improvvisamente senza prima parlarne con il medico: il rischio è la comparsa dei sintomi di un’astinenza.
Prima di iniziare ad assumere il farmaco è invece bene informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro farmaco o alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare MAO inibitori (anche se il trattamento è stato interrotto nei 14 giorni precedenti), farmaci per la tiroide, farmaci che contengono blu di metilene, busipirone, cimetidina, fentanile, flecainide, litio, metilfenidato, fenotiazine, propafenone, chinidina, SSRI, SNRI, erba di San Giovanni, tramadolo, linezolid, triptofano, barbiturici, fenitoina, anticolinergici, simpatomimetici, clonidina, guanetidina o guanfacina
  • in caso di infarto recente
  • nel caso in cui si soffra (o si abbia sofferto) di diabete, alcolismo, ipertiroidismo, glaucoma, aumento della pressione oculare, problemi cardiaci, renali o epatici, diabete, convulsioni, porfiria, problemi di minzione, pensieri o comportamenti suicidi, disturbo bipolare o altre malattie psichiatriche
  • se si sta seguendo una terapia a base di elettroshock
  • di un intervento chirurgico programmato
  • in caso di gravidanza o allattamento al seno

 

È inoltre necessario informare chirurghi e dentisti dell’assunzione di Imipramina.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici