COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Benserazide

La benserazide viene somministrata insieme alla levodopa per poterne ridurre e dosaggi e per contrastare alcuni degli effetti collaterali dell'assunzione di questo farmaco.

 

Che cos'è la benserazide

La benserazide inibisce la conversione della levodopa - farmaco utilizzato nel trattamento del Parkinson - in dopamina prima che arrivi a livello del cervello. In questo modo permette al farmaco di superare la barriera ematoencefalica, operazione impossibile per la dopamina. Non solo, la benserazide riduce anche gli effetti collaterali associati ad un eventuale accumulo di dopamina al di fuori del cervello, come la vasocostrizione, nausea e aritmie.

 

Come si assume la benserazide?

La benserazide viene somministrata per via orale.

 

Effetti collaterali della benserazide

L'assunzione di benserazide può interferire con i risultati di alcune analisi di laboratorio.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

  • nausea
  • vomito
  • aumento della fosfatasi alcalina
  • aumento delle transaminasi epatiche

 

È importante informare contattare subito un medico in caso di:

 

Controindicazioni e avvertenze

La benserazide è controindicata in caso di psicosi e glaucoma ad angolo stretto.

Prima della sua somministrazione è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti
  • se si soffre (o si ha sofferto) di psicosi o glaucoma
  • in caso di gravidanza o allattamento