COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Asenapina

L’asenapina è utilizzata principalmente nel trattamento della schizofrenia.

Trova inoltre impiego nel trattamento degli episodi maniacali acuti o negli episodi misti del disturbo bipolare, da sola o in combinazione con litio o acido valproico.

 

Che cos’è l’asenapina?

L’asenapina è un antipsicotico. Il suo esatto meccanismo di funzionamento non è noto, ma si pensa che agisca bloccando alcune sostanze nel cervello.

 

Come si assume l’asenapina?

L’asenapina si somministra per via orale, sotto forma di compresse sottolinguali.

 

Effetti avversi riconosciuti

L’asenapina può aumentare il rischio di sindrome neurolettica maligna, di colpo di calore, di iperglicemia o diabete, di livelli elevati di colesterolo o di prolattina nel sangue e di ingrassare. Inoltre può aumentare la sensibilità alle infezioni e causare movimenti muscolari incontrollati.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È bene contattare subito un medico in caso di:

 

Avvertenze

L’asenapina è controindicata in caso di gravi problemi renali, potassio o magnesio bassi nel sangue, battito cardiaco rallentato o irregolare, assunzione di antiaritmici, di alcuni antipsicotici o di citalopram, metoclopramide, fenotiazione, chinoloni o farmaci che aumentano il rischio di prolungamento dell’intervallo QT.

Il farmaco può compromettere le capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi. Questo effetto collaterale può essere aggravato da alcolici e da alcuni farmaci. Inoltre il caldo, l’attività fisica e la febbre possono aumentare i capogiri causati dall’asenapina; per limitarli è bene alzarsi lentamente da posizione sdraiata o seduta, soprattutto al mattino.

Prima della somministrazione di asenapina è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o ad altri farmaci o alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare farmaci contro la pressione alta, le allergie, i tumori, la depressione o altri problemi d’umore, infezioni, battito cardiaco irregolare, nausea o vomito, reflusso, convulsioni, problemi gastrointestinali, sindrome di Tourette, immunosoppressori o narcotici
  • se non si ha mai assunto un antipsicotico
  • se si soffre (o si ha sofferto) di diabete, problemi cardiaci, pressione bassa, problemi vascolari, ictus, globuli bianchi bassi, problemi renali, sindrome neurolettica maligna, convulsioni, istinti suicidi, Alzheimer o demenza, Parkinson, problemi all’esofago, disidratazione, ipovolemia, livelli elevati di prolattina nel sangue, tumori
  • in caso di esposizione a temperature elevate
  • se si è a rischio inalazione
  • se si bevono alcolici e in caso di abuso di alcolici o dipendenza
  • in caso di infarto
  • in caso di predisposizione al diabete
  • in caso di gravidanza o allattamento

 

Dieci minuti prima e dopo l’assunzione del farmaco non bisogna bere né mangiare nulla.
Il trattamento non deve essere sospeso senza l’autorizzazione del medico.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici