COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Rilpivirina

La rilpivirina viene utilizzata in combinazione con altri farmaci per trattare l'infezione da HIV.

Che cos'è la Rilpivirina?

La rilpivirina è un inibitore non nucleosidico dell'enzima trascrittasi inversa (NNRTI). Agisce bloccando la crescita dell'HIV.

Come si assume la Rilpivirina?

La rilpivirna si somministra per via orale, durante i pasti.

Effetti collaterali della Rilpivirina

La rilpivirina può aumentare le risposte immunitarie, portando a reazioni contro infezioni nascoste.
Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

Avvertenze

In caso di trattamento con didanosina o antiacidi è necessario assumerli almeno 2 ore prima o 4 ore dopo la rilpivirina. Eventuali inibitori dei recettori H2 dell'istamina devono invece essere assunti almeno 12 ore prima o 4 ore dopo la rilpivirina.

Prima di assumere rilpivirina è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri medicinali, ad alimenti o a qualsiasi altra sostanza
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare altri NNRTI, farmaci che aumentano il rischio di prolungamento dell'intervallo QT, antifungini azolici, inibitori della proteasi dell'HIV, antibiotici, carbamazepina, dexametasone, antagonisti dei recettori H2 dell'istamina, oxcarbazepina, fenobarbital, fenitoina, PPI, rifamicine, metadone o iperico
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi renali o epatici o prolungamento dell'intervallo QT
  • se si ha alle spalle una storia di istinti suicidi, problemi comportamentali o disturbi psicologici o mentali
  • in caso di gravidanza o allattamento