COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Idrossizina

Che cos'è l'Idrossizina?

L'Idrossizina agisce bloccando l'attività dell'istamina, la sostanza che scatena i sintomi delle allergie. Agisce inoltre come sedativo sul sistema nervoso centrale e può funzionare da antiemetico comportandosi come un antagonista del neurotrasmettitore acetilcolina.

A cosa serve l'Idrossizina?

L'idrossizina viene utilizzata per alleviare il prurito scatenato da fenomeni allergici (orticarie croniche, dermatiti, reazioni associate all'istamina) e per controllare nausea e vomito da cause diverse, mal d'auto incluso.
Trova inoltre impiego come ansiolitico e per trattare i sintomi dell'astinenza da alcol.

Come si assume l'Idrossizina?

In genere l'idrossizina viene somministrata per via orale sotto forma di capsule, compresse, sciroppi o sospensioni da assumere 3-4 volte al giorno.

Effetti collaterali dell'Idrossizina

Fra i possibili effetti avversi dell'idrossizina sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

  • difficoltà respiratorie
  • debolezza muscolare
  • aumento dell'ansia

Controindicazioni e avvertenze dell'Idrossizina

Salvo diverse indicazioni da arte di un medico l'idrossizina non deve essere somministrata a bambini e ragazzi al di sotto dei 12 anni di età.

Il farmaco può compromettere la capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi. Inoltre l'alcol può aumentarne gli effetti collaterali.

Prima di assumere idrossizina è bene informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro farmaco
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, ricordando in particolare di citare antistaminici, farmaci contro raffreddore, allergie o febbre da fieno, antidepressivi, miorilassanti, narcotici, anticonvulsivanti, sedativi, farmaci per dormire, tranquillanti e vitamina A
  • se si soffre (o si è sofferto) di asma, glaucoma, ulcere, difficoltà di minzione causate da ipertrofia prostatica, malattie cardiache o epatiche, pressione alta, convulsioni o ipertiroidismo
  • in caso di gravidanza o allattamento

È necessario informare chirurghi e dentisti di un trattamento in corso con idrossizina.