COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Albendazolo

L'Albendazolo è un farmaco antiparassitario la cui definizione precisa è "antielmintico benzimidazolico". È in grado di espletare un'azione antiparassitaria sia locale (a livello intestinale) che sistemica. Il suo funzionamento si basa sull'alterazione di alcuni meccanismi indispensabili per la sopravvivenza del parassita, tra cui l'utilizzo del glucosio da parte del parassita stesso. Il tutto si ripercuote sulle attività metaboliche del parassita, che va incontro a paralisi e successiva morte.

A cosa serve l'Albendazolo?

L'Albendazolo è un farmaco antiparassitario ad ampio spettro attivo contro la maggior parte delle parassitosi intestinali sostenute da Cestodi e Nematodi. Risulta inoltre particolarmente utile nel trattamento delle infestazioni sistemiche da Echinococcus granulosus e da Echinococcus multilocularis.

Come si assume l'Albendazolo?

Il farmaco viene somministrato per via orale, mediante compresse o soluzioni, oppure mediante iniezioni.
Effetti collaterali riconosciuti
Il farmaco è solitamente ben tollerato dall'organismo. Soprattutto in caso di uso prolungato nel tempo (nel caso di parassitosi sistemiche, ad esempio) possono comparire:

  • disturbi gastrointestinali: nausea, dolore addominale, vomito, diarrea;
  • disturbi neurologici: cefalea;
  • disturbi ematologici: leucopenia, trombicitopenia;
  • reazioni da ipersensibilità con ripercussioni dermatologiche (rash) e sistemiche (febbre).

Controindicazioni e avvertenze

Si sconsiglia fortemente l'uso di Albendazolo nei pazienti affetti da patologie epatiche. Per quanto riguarda la gravidanza, i sospetti teratogeni e mutageni attribuiti all'Albendazolo fanno sì che ne venga controindicato l'uso in questo particolare periodo della vita e nel successivo periodo di allattamento al seno.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici