COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Tacrolimus

Il tacrolimus è utilizzato in combinazione con altri farmaci per prevenire il rigetto d’organo dopo un trapianto di rene, fegato o cuore.
A volte trova impiego anche nel trattamento della malattia di Crohn.

 

 

Che cos’è il tacrolimus?

Il tacrolimus è un farmaco immunosoppressore. Agisce riducendo l’attività del sistema immunitario.

 

 

Come si assume il tacrolimus?

Il tacrolimus viene somministrato per via orale, in genere sotto forma di capsule da assumere due volte al giorno, lasciando trascorrere 12 ore tra un’assunzione e l’altra.
La dose iniziale può essere successivamente modificata dal medico in caso di necessità.

 

 

Effetti collaterali del tacrolimus

Il tacrolimus può aumentare il rischio di tumori alla pelle, la pressione del sangue e il rischio di diabete. Inoltre può aumentare il rischio di infezioni anche gravi.

 

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

  • mal di testa
  • tremori incontrollabili
  • diarrea
  • costipazione
  • nausea
  • vomito
  • bruciori allo stomaco
  • perdita dell’appetito
  • insonnia
  • capogiri
  • debolezza
  • dolore alla schiena o alle articolazioni
  • bruciori, intorpidimenti, dolore o pizzicore a mani o piedi

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

 

 

Controindicazioni e avvertenze

Prima del trattamento con tacrolimus è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare amfotericina B, antiacidi, antibiotici, antifungini, bromocriptina, calcio antagonisti, caspofungina, cloramfenicolo, cimetidina, cisapride, cisplatino, danazolo, diuretici, ganciclovir, contraccettivi ormonali, inibitori della proteasi dell’HIV, lansoprazolo, farmaci contro le convulsioni, metilprednisolone, metoclopramide, nefazodone, omeprazolo, rifabutina, rifampicina, iperico e sirolimus
  • se si ha recentemente interrotto un trattamento con ciclosporina
  • se si soffre (o si ha sofferto) di malattie cardiache, renali o epatiche
  • in caso di gravidanza o allattamento
  • prima di sottoporsi a una vaccinazione

 

Durante il trattamento bisogna evitare di assumere pompelmo o il suo succo.
È inoltre importante informare medici, chirurghi e dentisti dell’assunzione di tacrolimus.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici