COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Pegfilgrastim

Il pegfilgrastim viene utilizzato per ridurre il rischio di infezioni in pazienti oncologici trattati con farmaci mielosoppressivi.

 

 

Che cos’è il pegfilgrastim?

Il pegfilgrastim è un aminoacido. Agisce stimolando il midollo osseo a produrre globuli bianchi.

 

 

Come si assume il pegfilgrastim?

Il pegfilgrastim viene somministrato mediante iniezioni sottocutanee.

 

 

Effetti collaterali del pegfilgrastim

Il pegfilgrastim può causare gravi danni alla milza, essere associato a sindrome da perdita capillare e aggravare l’anemia mediterranea.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

  • rash
  • orticaria
  • prurito
  • difficoltà respiratorie
  • senso di oppressione al petto
  • gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua
  • variazioni nella quantità di urina prodotta
  • svenimenti
  • respirazione accelerata
  • sensazione di pienezza
  • febbre
  • dolore alla spalla sinistra
  • dolore alla parte alta sinistra dello stomaco
  • dolore forte o persistente a ossa, torace, articolazioni o stomaco
  • fiato corto
  • respiro sibilante
  • gonfiori
  • stanchezza o debolezza insolite
  • noduli, gonfiore o lividi al sito di iniezione

 

 

Controindicazioni e avvertenze

Prima di assumere pegfligrastim è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco (in particolare al filgrastim), ad alimenti o ad altre sostanze (in particolare alle proteine derivate da Escherichia coli)
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare litio
  • se si soffre (o si ha sofferto) di problemi al sangue, al midollo osseo o alla milza, leucemia, problemi polmonari o respiratori o infezioni
  • in caso di chemioterapia o trattamenti con radiazioni
  • in caso di gravidanza o allattamento

 

È importante informare medici, chirurghi e dentisti dell’assunzione di pegfligrastim.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici