COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Lenalidomide

La lenalidomide viene utilizzata nel trattamento dell’anemia associata a sindrome mielodisplasica. Inoltre è utilizzata, in combinazione con il desametasone, nel trattamento di alcuni casi di mieloma multiplo e trova applicazione nel linfoma mantellare.

 

Che cos’è la lenalidomide?

La lenalidomide influenza il funzionamento del sistema immunitario. Il suo esatto meccanismo di funzionamento non è noto.

 

Come si assume la lenalidomide?

La lenalidomide viene somministrata per via orale, sotto forma di capsule.

 

Effetti collaterali della lenalidomide

La lenalidomide può ridurre il numero di piastrine e la capacità di combattere le infezioni. Inoltre può causare gravi danni al fegato e reazioni cutanee.
Nei pazienti oncologici è associata al rischio di sindrome da lisi tumorale, mentre in caso di leucemia linfocitica acuta aumenta i rischi per il cuore.
Infine, in caso di mieloma multiplo la lenalidomide può aumentare il rischio di comparsa di altri tumori.

 

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

 

Controindicazioni e avvertenze

La lenalidomide può essere controindicata in caso di gravidanza o di leucemia linfatica cronica.

 

Prima dell’assunzione è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco (in particolare alla talidomide), ad alimenti o ad altre sostanze
  • se si è intolleranti al lattosio
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare agenti eritropoietici, estrogeni, progestinici, digossina, medicinali che possono danneggiare il fegato e qualsiasi farmaco che può aumentare il rischio di emorragie o trombi
  • in caso di assunzione di contraccettivi ormonali, se si assumono anche inibitori della proteasi dell’HIV, griseofulvina, rifampicina, rifabutina, penicillina, amoxicillina, ampicillina o altri antibiotici, iperico, modanafil, fenitoina o carbamazepina
  • se si soffre (o si ha sofferto) di tumori, problemi ai reni o al fegato, disturbi ereditari, problemi ematologici, infezioni, anomalie nei livelli di elettroliti nel sangue, pressione alta, colesterolo alto, problemi cardiovascolari
  • in caso di dialisi
  • se si è fumatori
  • in caso di gravidanza o allattamento

 

Durante il trattamento e nelle 4 settimane successive alla sua interruzione i pazienti non devono donare sperma, spermatozoi o sangue e devono evitare rapporti con donne incinte o che potrebbero rimanere incinte.
Inoltre le partner degli uomini in trattamento devono parlare con un medico nel caso in cui restino incinte.

Le donne in trattamento devono invece utilizzare opportune precauzioni per evitare una gravidanza.

È importante informare medici, chirurghi e dentisti dell’utilizzo di lenalidomide.

Il trattamento può alterare le capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi. Questo effetto avverso può essere aggravato dall’alcol e da alcuni medicinali.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici