COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Gemcitabina

La Gemcitabina è un farmaco antineoplastico che viene metabolizzata a livello intracellulare. La sua attività citotossica è dovuta all'inibizione della sintesi del DNA cellulare ad opera dei suoi due metaboliti attivi, la difluorodeossicitidindifosfato e la difluorodeossicitidintrifosfato.

A cosa serve la Gemcitabina?

La Gemcitabina è un farmaco antineoplastico del gruppo degli antimetaboliti pirimidinici. Viene somministrata per il trattamento di diverse neoplasie, in particolare per il:

Si può somministrare da sola o in associazione con altri farmaci antitumorali.

Come si assume la Gemcitabina?

La Gemcitabina si assume:

  • per infusione in vena;
  • attraverso catetere;
  • per via endovescicale (mediante catetere).

Effetti collaterali della Gemcitabina

Come tutti i farmaci chemioterapici, anche la Gemcitabina provoca in chi la assume sensazione di fatica (astenia) e diminuzione dell'appetito, che possono insorgere in forma lieve o severa. L'astenia può essere legata all'anemia. Gli effetti avversi si manifestano in modo differente da soggetto a soggetto, in base alla tolleranza individuale.
Tra gli effetti avversi riconosciuti più comuni si elencano:

  • temporanea riduzione della produzione di cellule ematiche da parte del midollo osseo (la diminuzione dei globuli rossi provoca la diminuzione dell'emoglobina e quindi l'anemia; la diminuzione dei globuli bianchi facilita l'insorgere di infezioni; la diminuzione delle piastrine provoca lividi o emorragie). Il conteggio delle cellule ematiche ricomincia a salire costantemente e di solito si normalizza entro 21-28 giorni dall'inizio della terapia;
  • nausea e vomito;
  • sintomi simil-influenzali.

Effetti collaterali riconosciuti meno frequenti sono invece:

  • temporanea riduzione della funzione epatica (che si normalizzerà comunque alla conclusione del trattamento);
  • modificazioni cutanee: eruzioni simili all'acne, che possono dare prurito;
  • dolore o ulcere del cavo orale, con o senza modeste alterazioni del gusto;
  • diarrea;
  • sonnolenza;
  • caduta dei capelli;
  • alterazioni della funzione renale (occasionali e reversibili).

Controindicazioni e avvertenze della Gemcitabina

Alcuni farmaci potrebbero interferire con il trattamento a base di Gemcitabina: è bene quindi comunicare all'oncologo curante quali farmaci si assumono regolarmente e consultarlo prima di assumere nuovi farmaci. Attenzione alle radiazioni solari: poiché attraverso la circolazione sanguigna i farmaci chemioterapici si diffondono in tutti i tessuti, inclusa la pelle, il contatto prolungato con le radiazioni solari può causare arrossamenti, anche gravi, e scottature. Per quanto riguarda l'allattamento, non è consigliato allattare al seno durante la terapia con Gemcitabina.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici