COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Isoniazide

L’Isoniazide è utilizzata da sola o in combinazione con altri farmaci per trattare la tubercolosi e prevenirla in chi è entrato in contatto con il batterio che la causa.

 

Che cos’è l’isoniazide?

L’Isoniazide agisce eliminando i batteri della tubercolosi in riproduzione attiva.

 

Come si assume l’Isoniazide?

L’Isoniazide può essere assunta sotto forma di compresse (anche a rilascio prolungato), capsule o sciroppo. In genere, la posologia è di una dose al giorno, a stomaco vuoto (1 ora prima o 2 ore dopo i pasti). Se causa disturbi di stomaco, può però essere assunta con un po’ di cibo.
Dato che i batteri della tubercolosi possono rimanere quiescenti, senza replicarsi, per lunghi periodi la terapia con isoniazide deve essere assunta per lunghi periodi (in genere da 6 a 12 mesi).

 

Effetti collaterali dell’Isoniazide

L’Isoniazide può causare gravi danni al fegato che in alcuni casi possono risultare fatali. Per questo è importante informare il medico in caso di patologie epatiche (anche pregresse), alcolismo, uso di droghe o comparsa di sintomi come stanchezza eccessiva, debolezza, mancanza di energia, perdita di appetito, disturbi di stomaco, vomito, urine scure e ittero.

Fra gli altri possibili effetti avversi dell’isoniazide sono inclusi:

È bene contattare subito il medico in caso di:

 

Avvertenze

Durante il trattamento con Isoniazide non bisogna assumere alcol.
Prima di iniziare ad assumere il farmaco è inoltre bene informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro farmaco o alimento
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare paracetamolo, antiacidi, carbamazepina, disulfiram, ketoconazolo, fenitoina, teofillina, acido valproico e vitamine
  • nel caso in cui si soffra (o si abbia sofferto) di malattie renali, diabete, neuropatie periferiche
  • se si ha un’infezione da HIV
  • in caso di gravidanza o allattamento al seno
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici