COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Isoniazide

L'Isoniazide è utilizzata da sola o in combinazione con altri farmaci per trattare la tubercolosi e prevenirla in chi è entrato in contatto con il batterio che la causa.

 

Che cos'è l'isoniazide?

L'Isoniazide agisce eliminando i batteri della tubercolosi in riproduzione attiva.

 

Come si assume l'Isoniazide?

L'Isoniazide può essere assunta sotto forma di compresse (anche a rilascio prolungato), capsule o sciroppo. In genere, la posologia è di una dose al giorno, a stomaco vuoto (1 ora prima o 2 ore dopo i pasti). Se causa disturbi di stomaco, può però essere assunta con un po' di cibo.
Dato che i batteri della tubercolosi possono rimanere quiescenti, senza replicarsi, per lunghi periodi la terapia con isoniazide deve essere assunta per lunghi periodi (in genere da 6 a 12 mesi).

 

Effetti collaterali dell'Isoniazide

L'Isoniazide può causare gravi danni al fegato che in alcuni casi possono risultare fatali. Per questo è importante informare il medico in caso di patologie epatiche (anche pregresse), alcolismo, uso di droghe o comparsa di sintomi come stanchezza eccessiva, debolezza, mancanza di energia, perdita di appetito, disturbi di stomaco, vomito, urine scure e ittero.

Fra gli altri possibili effetti avversi dell'isoniazide sono inclusi:

È bene contattare subito il medico in caso di:

 

Avvertenze

Durante il trattamento con Isoniazide non bisogna assumere alcol.
Prima di iniziare ad assumere il farmaco è inoltre bene informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualunque altro farmaco o alimento
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare paracetamolo, antiacidi, carbamazepina, disulfiram, ketoconazolo, fenitoina, teofillina, acido valproico e vitamine
  • nel caso in cui si soffra (o si abbia sofferto) di malattie renali, diabete, neuropatie periferiche
  • se si ha un'infezione da HIV
  • in caso di gravidanza o allattamento al seno