COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Ceftadizima

La Ceftazidima è un antibiotico appartenente al gruppo delle cefalosporine di terza generazione, con attività antimicrobica simile a quella della Cefotaxima contro i batteri Gram-positivi e gli enterobatteri. Agisce inibendo la sintesi della parete batterica: come le altre cefalosporine, questo antibiotico ha la capacità di legarsi agli enzimi transpeptidasi che servono per creare i legami fra le catene di peptidoglicano (il polimero indispensabile per la costituzione della parete batterica): l'inibizione delle attività delle transpeptidasi compromette la stabilità della parete batterica, comportando la morte delle cellule batteriche in crescita.

A cosa serve la Ceftazidima?

Ceftazidima viene utilizzata nel trattamento delle seguenti infezioni sensibili alle cefalosporine negli adulti, nei bambini e nei neonati:

  • infezioni del tratto respiratorio come la polmonite;
  • infezioni polmonari in pazienti con fibrosi cistica;
  • infezioni del tratto urinario;
  • infezioni della pelle, dei tessuti molli, delle ossa e delle giunture;
  • otiti;
  • peritoniti;
  • setticemie;
  • meningiti.

Come si somministra la Ceftazidima?

La Ceftazidima viene commercializzata sotto forma di polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare, per uso endovenoso e per infusione.

Effetti collaterali della Ceftazidima

Diversi sono gli effetti collaterali riconosciuti dovuti all'uso della Ceftazidima, sebbene risulti essere un antibiotico perlopiù ben tollerato:

  • disturbi nel sito di inoculazione del farmaco (flebite o tromboflebite conseguenti a somministrazione endovenosa; dolore e/o infiammazione conseguenti a somministrazione intramuscolare);
  • reazioni allergiche: rash maculopapulare o urticarioide, prurito, febbre; più rare angioedema e reazioni anafilattiche (inclusi broncospasmo e/o ipotensione).
  • disturbi gastrointestinali: diarrea, nausea, vomito, dolore addominale; più rare colite e candidiasi del cavo orale;
  • disturbi genito-urinari: candidiasi, vaginite;
  • disturbi neurologici: cefalea, vertigini, parestesie;
  • alterazioni in uno o più parametri di funzionalità epatica e renale;
  • alterazioni ematologiche: (rare) leucopenia, neutropenia, agranulocitosi, trombocitopenia, linfocitosi.

Controindicazioni e avvertenze della Ceftazidima

La limitata quantità di dati sull'uso di Ceftazidima durante la gravidanza non mette in evidenza effetti dannosi diretti o indiretti sulla gravidanza stessa, sullo sviluppo embrio/fetale, sul parto o sullo sviluppo post natale: poiché, però, allo stato attuale la quantità di dati risulta ancora limitata, l'uso di questo antibiotico deve essere prescritto a donne in stato di gravidanza solo se il beneficio supera il rischio.
La Ceftazidima viene escreta nel latte materno in piccole quantità non rilevanti dal punto di vista terapeutico: la Ceftazidima può dunque essere usata durante l'allattamento.
Non sono stati effettuati studi sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari. Tuttavia è bene tenere presente che l'uso del farmaco può provocare capogiri.
Nella somministrazione di questo farmaco è da tenere presente che il trattamento concomitante con alte dosi di cefalosporine e altri medicinali nefrotossici può comportare un effetto negativo sulla funzionalità renale.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici