COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Cefotaxima

La Cefotaxima è un antibiotico appartenente al gruppo delle cefalosporine di terza generazione. In particolare la Cefotaxima è la prima cefalosporina di terza generazione ad essere stata disponibile.

La sua azione antimicrobica è simile a quella del Cefamandolo, ma lo spettro è più ampio: ha una maggiore attività contro i batteri Gram-negativi ed è molto resistente alle beta-lattamasi batteriche. È invece meno attiva verso i batteri Gram-positivi e anaerobi.
Dal punto di vista molecolare agisce inibendo la sintesi della parete batterica: come le altre cefalosporine, questo antibiotico ha la capacità di legarsi agli enzimi transpeptidasi che servono per creare i legami fra le catene di peptidoglicano, polimero indispensabile per la costituzione della parete batterica; l'inibizione delle attività delle transpeptidasi compromette la stabilità della parete batterica, comportando la morte delle cellule batteriche in crescita.

A cosa serve la Cefotaxima?

La Cefotaxima viene utilizzata nel trattamento di iniezioni dovute a organismi sensibili tra cui la meningite, la setticemia, la peritonite e le infezioni del tratto genito-urinario e respiratorio, della pelle e dei tessuti molli, delle ossa e delle giunture e nella profilassi delle infezioni chirurgiche.

Come si assume la Cefotaxima?

Viene somministrata tramite iniezione (polvere e solvente per soluzioni iniettabili per via intramuscolare, per via endovenosa e per infusione).

Effetti collaterali della Cefotaxima

Il trattamento a base di Cefotaxima risulta generalmente ben tollerato. Gli effetti avversi più comuni riscontrati soprattutto in soggetti predisposti o particolarmente sensibili sono:

  • disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, pirosi gastrica, glossite;
  • anomalie nella funzionalità renale: aumento dell'azoto ureico e delle concentrazioni sieriche di creatinina;
  • anomalie nella funzionalità epatica: aumento delle transaminasi sieriche (SGOT, SGPT); aumento della bilirubina, aumento della fosfatasi alcalina;
  • anomalie ematologiche: anemia emolitica, granulocitopenia, eosimofilia, agranulocitosi (molto rara);
  • sintomi neurologici: cefalea, vertigini, agitazione, confusione, astenia;
  • reazioni allergiche: prurito, orticaria, reazioni anafilattiche, artralgia, febbre da farmaci;
  • reazioni locali: flebite, tromboflebite, dolore, indurimento e fragilità nella sede d'iniezione.

Controindicazioni e avvertenze della Cefotaxima

Particolare attenzione deve essere riposta nella somministrazione di questo farmaco nei bambini di età inferiore ai 30 mesi; nei pazienti con ipersensibilità alla Cefotaxima, alle cefalosporine, alle penicilline o ad altri antibiotici; nei pazienti con disturbi del ritmo cardiaco; nei pazienti con scompenso cardiaco grave.
Durante la gravidanza e nella primissima infanzia l'uso di questo farmaco è sconsigliato; in caso di urgenza o reale necessità può essere somministrato, ma sotto rigoroso controllo medico. Poiché la Cefotaxima tende ad accumularsi nel latte materno, è necessario decidere se interrompere l'allattamento o il trattamento con il medicinale, tenendo in considerazione l'importanza del farmaco per la salute materna.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici