COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Ribosio

Che cos’è il ribosio?

Il ribosio (in particolare il D-ribosio) è uno zucchero naturalmente presente nell’organismo che viene utilizzato a scopo medicinale.

A cosa serve il ribosio?

Sembra che l’assunzione di ribosio possa prevenire l’affaticamento muscolare associato ad alcune malattie genetiche che impediscono una sufficiente produzione di energia da parte dell’organismo. Inoltre gli viene attribuita la capacità di rifornire energia aggiuntiva al cuore durante l’attività fisica praticata da pazienti con malattie cardiache.

L’utilizzo di questo zucchero viene proposto sia per migliorare le performance atletiche e aumentare l’energia a disposizione dei muscoli, sia per ridurre i sintomi di problematiche come la sindrome da affaticamento cronico, la fibromialgia, le malattie coronariche, la carenza di AMPD e la malattia di McArdle (o deficit di miofosforilasi).

Non risulta però che l’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) abbia approvato claim che giustifichino queste proposte d’uso, anzi, ha negato l’autorizzazione al claim secondo cui il ribosio migliorerebbe le performance atletiche e le capacità di recupero dopo l’esercizio aiutando a rigenerare l’ATP nei muscoli, aiuterebbe a conservare le energie cellulari, stimolerebbe il recupero dopo un’attività intensa e sarebbe un importante materiale di partenza per l’energia cellulare.

Avvertenze e possibili controindicazioni

L’assunzione contemporanea di ribosio e insulina potrebbe ridurre eccessivamente i livelli di zuccheri nel sangue. Inoltre il ribosio potrebbe interferire con i farmaci antidiabetici, diminuendo troppo i livelli di zuccheri.

Se assunto per un breve periodo, il ribosio sembra essere sicuro, anche se può scatenare effetti collaterali come diarrea, fastidi allo stomaco, nausea, mal di testa e ipoglicemia. Non risultano invece informazioni attendibili sulla sicurezza della sua assunzione a lungo termine.

Non si hanno nemmeno informazioni sufficienti per garantire la sicurezza dell’assunzione di ribosio durante la gravidanza o l’allattamento. In caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico, che potrà fornire indicazioni anche su altre eventuali controindicazioni. Il ribosio potrebbe infatti non essere adatto in caso di diabete, ipoglicemia o interventi chirurgici programmati.

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici